default logo
Giornale turistico della Valtellina

Concerto di San Lorenzo a Palazzo Vertemate Franchi

Condividi
Mercoledì 19 dicembre 2018

Il concerto di San Lorenzo è un appuntamento caro a tutti i chiavennaschi e ai turisti, che, sempre più numerosi, partecipano all’evento che chiude la giornata di festeggiamenti per il santo patrono.
Le scelte musicali sempre qualificate e una cornice affascinante come quella dei giardini di Palazzo Vertemate Franchi sono gli ingredienti che attirano ogni anno un grande numero di appassionati.
Il concerto avrà come protagonista l’Orchestra Francesco Rogantini, diretta dal maestro Antonello Puglia, con il seguente programma:
Joseph Haydn (1733 – 1809)
Sinfonia n. 44 in Mi minore “Trauersymphonie” (Sinfonia del lutto)
Ralph Vaughan Williams (1872 – 1958)
Concerto per oboe e archi in la minore
(solista: Enrico Peyronel)
Edward Elgar (1857 – 1934)
Serenata per archi in Mi minore
Carl-Robert Gruner (1895 – 1955)
Preludio dall’opera “Die Glocken von Plurs” (Le campane di Piuro)
Quest’anno non si poteva prescindere dalla ricorrenza dei 400 anni della frana di Piuro. Quindi un programma pensato per sottolineare convenientemente il tragico evento che nel 1618 distrusse l’intero abitato, con oltre mille morti.
Anche un momento di festa – e questa è la forza della grande musica – può diventare occasione di raccoglimento e riflessione: prima con la sinfonia “del lutto” di Haydn, che il musicista stesso desiderava fosse eseguita al suo funerale, poi con il lirismo intimo della serenata di Elgar e con il concerto per oboe di Vaughan Williams, concepito in una Londra martoriata dai bombardamenti tedeschi nella seconda Guerra Mondiale.
Il preludio da “Le campane di Piuro” di Carl Robert Gruner rappresenta invece una vera e interessante novità, trattandosi di una prima esecuzione assoluta.
La partitura autografa del musicista, che visse a St. Moritz nella prima metà del secolo scorso, è stata recentemente donata al comune di Piuro dal nipote Ferdinand Gruner. Viene così alla luce una seconda opera lirica sull’eversione di Piuro, oltre a quella di Sayffardt già eseguita nel 2010 al Belfòrt, anche questa ispirata alla vicenda narrata nell’omonimo romanzo di Ernst Pasqué.
Sarà interessante sentir risuonare per la prima volta queste note proprio nell’ambiente che, con il suo attuale splendore, rimane unico testimone dei fasti dell’antico borgo sepolto.
Organizzazione: Comitato Chiavi D’Argento
Fonte: Consorzio Turistico Valchiavenna

Ricevi le news su WhatsApp/Telegram

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.