default logo
Giornale turistico della Valtellina

Il basket e il turismo valtellinese piangono Diego Pini

Condividi
Venerdì 14 dicembre 2018

Diego PiniE’ scomparso dopo lunga malattia, combattuta con grande coraggio, ma senza rinunciare alla sua passione per lo sport, Diego Pini, dirigente sportivo che ha lasciato una traccia indelebile nel mondo del basket italiano e del turismo valtellinese.
Pini è stato prima di tutto l’allenatore di centinaia di ragazzi, cresciuti con rigore e disciplina nelle sue squadre giovanili portate per migliaia di chilometri all’inseguimento di un sogno che era il suo, prima ancora di quello dei suoi giocatori.
Ha contribuito inoltre in modo determinante allo sviluppo turistico della Valtellina grazie alla sua lunga attività organizzativa che negli anni ha portato, in una terra lontano da tutto e da tutti, Michael Jordan, nazionali di basket da tutto il mondo, finali nazionali giovanili, la Philips Cup, gli indimenticabili mondiali juniores del 1987 e che si è inventato il Valtellina Basket Circuit.
La migliore Summer League d’Europa, in oltre trenta anni di vita, ha ospitato il gotha della pallacanestro mondiale, dall’Olimpia Milano di Dan Peterson, al Messaggero Roma di Raul Gardini, alla Fortitudo Bologna di Dominique Wilkins, per arrivare all’Armani Milano di quest’anno: in sintesi la storia del basket europeo moderno.
Ne avevamo parlato con lui in questa intervista nel 2013.
Grazie alla sua costante opera ha riempito gli alberghi di mezza valle, senza ricevere però sempre un adeguato supporto dal territorio per le potenzialità incredibili dei suoi contatti e iniziative.
Ciò nonostante si è sempre speso con grande passione nel portare avanti la sua creatura, raggiungendo obiettivi che forse nemmeno lui sperava di raggiungere, ma che, come ogni visionario, probabilmente erano al di là di un ragionamento razionale.
Ci ha lasciato troppo presto a 68 anni, ma forse ha fatto più lui per il turismo valtellinese di chiunque altro e, soprattutto, ha avuto una vita intensa, felice ed appagante, anche grazie alla sua numerosa famiglia, che gli ha permesso di coltivare fino in fondo la sua grande passione per lo sport che lo teneva lontano da casa oltre qualsiasi comprensione umana.
Forse in questo aiutato da una famiglia ancora più grande rispetto a quella di Cristina (sua moglie), e dei figli Junio, Klaus, Glauco e Fiammetta: quella di tutti i ragazzi passati sotto le sue sgrinfie sui parquet.
Diego Pini mancherà a tutta la Valtellina, non solo sportiva, ma lascia tanto, forse anche troppo per essere proseguito al suo stesso livello. Non dovranno mancare le energie necessarie per non disperdere la grande eredità che ha donato alla sua terra in quaranta anni di attività.
Un ricordo personale
Fino all’ultimo sono stato indeciso se scrivere queste righe. Troppi sono i sentimenti che mi animano e che meritano ben altro che un sito internet o una bacheca di facebook, ma Diego Pini, oltre ad essere un pezzo della mia vita è stato un pilastro dell’argomento di cui parliamo in questo giornale.
Grazie alla disponibilità di sua moglie Cristina sono riuscito a vederlo per l’ultima volta giovedì insieme a mio fratello Luca, con cui abbiamo condiviso sul campo e fuori esperienze incredibili. Non dimenticherò mai il suo sguardo quando ci ha visti entrare in camera e le sensazioni che ho provato nel nostro ultimo incontro. Di lui ho sempre apprezzato che poteva essere in compagnia del più grande personaggio del basket mondiale, ma se mi incontrava si fermava a parlarmi, magari per pochi secondi, e questo mi faceva sentire importante. In quei pochi minuti di giovedì lo ha fatto per l’ultima volta. Del resto i “grandi” sono così, non hanno bisogno di tirarsela.
Mi perdonerete se chiudo l’articolo con un saluto personale che scrivo non solo per Diego, ma anche per me stesso.
Nella vita incontri tante persone, della maggior parte non rimane traccia, ma puoi conoscerne alcune, se sei fortunato, che non ti lasceranno più, e che racconterai ai tuoi figli. Ciao Diego, compagno di mille avventure, vittorie, risate, incazzature e di una grande passione per il basket.
Sandro Faccinelli

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.