default logo
Giornale turistico della Valtellina

Sagra di Vetto il 30 luglio a Lanzada

Condividi
Venerdì 22 settembre 2017
Categorie: Sondrio Valmalenco

polentaLa Sagra di Vetto è nata come tentativo di riportare l’originalità, la genuinità e la semplicità delle degustazioni nelle sagre paesane. Siamo giunti all’undicesima edizione e ringraziamo tutti gli affezionati della Sagra che con la loro partcipazione ci hanno permesso di raggiungere questo traguardo.
CHI SIAMO: abitanti della frazione di Vetto, e non solo, accomunati da un fortesenso di solidarietà e passione per le cose semplici.
NOVITA 2016
-Per far posto alle 20 pietanze e accogliere i sempre più numerosi ospiti, si è provveduto ad allungare ulteriormente il percorso, che con i suoi 770 metri, abbraccia tutta la frazione.
-Gemellaggio tra vettesi di Lombardia e quelli Emiliani. Una delegazione del comune di “Vetto” di Reggio Emilia ci verrà a trovare e porterà la sua specialità: gnocco fritto e Parmigiano Reggiano.
-Il menù si arricchisce del tris di trota.
– Particolare attenzione è stata rivolta all’intrattenimento. Nell’apposito spazio “DISCO SAGRA” prima gli ospiti potranno ammirare le esibizioni del Country Group “Route 38”; poi, dalle ore 22.30, i nostri “dj” vi faranno ballare.
N.B.: L’utimo chilometro della strada per la frazione Vetto è chiusa al traffico.
I parcheggi sono allestiti a Lanzada presso la Centrale Enel e il Centro Sportivo di Pradasc.
COME SI RAGGIUNGE LA SAGRA: a piedi (10 minuti) oppure con bus navetta.
Acquistate i biglietti alla cassa (1 € cadauno) senza specificare cosa volete consumare.
Riteniamo che 15 biglietti siano sufficienti per assaggiare gran parte delle pietanze.
Scegliete le specialità che desiderate e chiedetele direttamente ai punti di preparazione.
Se volete il bis basta rifare la fila.
Se qualche piatto finisce, non preoccupatevi, tornate più tardi o scegliete altro.Non vi saranno tavolie seggiole. I cibi sono serviti in modo da poterli consumare in piedi. Tra una pietanza e l’altra, un sorbetto di pazienza passeggiando tra le vie della contrada dove avrete la possibilità di scoprire, apprezzare e gustare tante piccole specialità locali che, abbinate tra loro, possono diventare UNA CENA RICCA; COMPLETA E SFIZIOSA: il tutto accompagnato dal pregiato vino della sagra “Rosso di Valtellina Doc”, birra, acqua, bibite, tisane.
Fonte: Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco

Cosa fare Lanzada


Museo minerario e mineralogico della Bagnada

Ricevi le news su WhatsApp e Telegram

Lascia un commento

*