Sabato 25 settembre 2021

8 tipi di pasta e riso contaminati e richiamati dal commercio

Condividi





Il Ministero della Salute il 24 agosto ha pubblicato 8 notifiche di richiamo dal commercio per articoli realizzati da un’azienda italiana con sede in provincia di Cuneo con presenza di cloridrina etilenica ed ossido di etilene rilevati su dei campioni in seguito ad un controllo sulla qualità: pasta di fave, riso rosso e curcuma bio (fusilli, paccheri, risoni, calamarata), pasta di lenticchie rosse, riso rosso e curcuma bio (penne, paccheri, risoni, calamarata).
Gli operatori del settore alimentare (OSA) hanno l’obbligo di informare i propri clienti sulla non conformità riscontrata negli alimenti da essi posti in commercio e a ritirare il prodotto dal mercato. In aggiunta al ritiro, qualora il prodotto fosse già stato venduto al consumatore, l’OSA deve inoltre provvedere al richiamo cioè deve informare i consumatori sui prodotti a rischio, anche mediante cartellonistica da apporre nei punti vendita, e a pubblicare il richiamo nella specifica area del portale del Ministero della Salute. La pubblicazione del richiamo nel portale internet del Ministero è a cura della Regione competente per territorio, che lo riceve direttamente dall’OSA, previa valutazione della ASl. Oltre ai richiami di prodotti alimentari, sono pubblicate on line anche le revoche dei richiami successivi a risultati di analisi favorevoli, scadenza o per altri motivi.
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie