Sabato 12 giugno 2021

AIDO: perché i trapianti e perché la donazione

Condividi





Un organo viene donato per essere trapiantato. Ecco la risposta ad alcune domande.

Che cos’è il trapianto?
É una terapia efficace per alcune gravi malattie che colpiscono gli organi o i tessuti del corpo umano e che non sono curabili in altro modo. Grazie all’esperienza acquisita negli ultimi anni, il trapianto consente al paziente una durata e una qualità di vita che nessun’altra terapia è in grado di garantire. Non tutti i pazienti che necessitano di un trapianto però possono riceverlo a causa dello scarso numero di donatori (nel 2020 i trapianti sono stati 2.447 a fronte di una lista di attesa di 9.000 pazienti circa).
Chi può divenire donatore di organi?
I donatori di organi sono persone di qualunque età che muoiono in ospedale nelle Unità di Rianimazione, a causa di una lesione irreversibile al cervello o di un prolungato arresto cardiaco, che abbiano prodotto la totale distruzione delle cellule cerebrali causando la morte del paziente per irreversibile e completa cessazione dell’attività cerebrale. Tutti gli organi sono prelevabili. In presenza di malattie infettive trasmissibili, l’idoneità dell’organo al trapianto è scrupolosamente valutata dai medici con specifici esami. In qualche caso, la malattia di uno o più organi non pregiudica l’utilizzazione di altri organi o tessuti per il trapianto.
Quali sono gli organi e i tessuti che si possono prelevare?
Gli organi che possono essere prelevati e trapiantati sono i reni, il fegato, il cuore, il pancreas, i polmoni e l’intestino. I tessuti sono le cornee, il tessuto osseo, le cartilagini, i tendini, la cute, le valvole cardiache, i vasi sanguigni.
A chi si trapiantano gli organi?
Gli organi prelevati vengono trapiantati ai pazienti selezionati tra tutti quelli iscritti in lista di attesa. La selezione del ricevente è effettuata in base a criteri oggettivi e trasparenti (compatibilità clinica ed immunologica) che favoriscono la massima riuscita del trapianto. I tessuti prelevati possono essere conservati in banche appositamente attrezzate prima di essere utilizzati sul ricevente.
Si può vendere o acquistare un organo?
No, è illegale vendere o comprare organi umani. La donazione degli organi e tessuti è un atto anonimo e gratuito di solidarietà. Non è permessa alcun tipo di remunerazione economica e non è possibile conoscere l’identità del donatore e del ricevente.
Le confessioni religiose sono favorevoli alla donazione degli organi?
La maggioranza delle religioni o confessioni religiose occidentali sostengono senza alcun dubbio la donazione e il trapianto degli organi. La Chiesa Cattolica ha sottolineato in molte occasioni che la donazione degli organi è un atto supremo di generosità, carità e amore. Altre religioni, fra cui quella Ebraica, Islamica e dei Testimoni di Geova non pongono nessuno ostacolo alla donazione.
Dove si prelevano gli organi e dove si effettuano i trapianti?
Sia il prelievo che il trapianto si effettuano in ospedali accreditati dalle Regioni. Il trapianto è totalmente gratuito per il ricevente.

A cura di AIDO, Gruppo comunale SAMOLACO – VALCHIAVENNA

DIVENTA ANCHE TU UN DONATORE aido.it
Rivolgiti alle sedi dell’ATS, alle sezioni dell’AIDO o all’Ufficio Anagrafe dei Comuni che hanno aderito alla campagna “Una Scelta in Comune” consultabili sul sito ats-montagna.it
Le altre news di oggi
Ricevi le news su WhatsApp




Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

Ultime notizie