Martedì 10 dicembre 2019

Annullato il Motoraduno dello Stelvio 2019

Condividi

Vi comunichiamo ufficialmente che il motoraduno dello Stelvio del 2019 non verrà effettuato.
Nel corso di questi anni ci siamo impegnati per migliorare sempre il raduno e siamo riusciti a raggiungere buoni livelli anche grazie alla Vostra partecipazione e sponsorizzazione.
Fino al 40° non abbiamo avuto grossi problemi e nessuna limitazione particolare, riuscivamo quindi ad avere una buona partecipazione e buone soddisfazioni personali ed economiche.
Negli ultimi raduni con le restrizioni che ci sono state a livello italiano a seguito dei fatti avvenuti a Torino in piazza durante la finale di Champions League non si è più potuto garantire ai partecipanti alcune cose a cui loro tengono parecchio come ad esempio la “parata delle luci”.
I malumori si sono poi concretizzati con un calo delle presenze e con meno soddisfazione per coloro che comunque sceglievano di esser presenti.
Dalla fine dell’ultimo raduno a oggi si è cercato di capire se altre persone volessero continuare l’organizzazione ma attualmente nessuno vuole provarci.
Forse quest’anno di stop potrà servire per creare un nuovo gruppo o per fare in modo che ci sia maggior supporto anche a livello locale, tanti danno per scontato che il raduno tanto c’è e non fanno molto per cercare di aiutare.
Fonte: Moto Club Stelvio International

News su WhatsApp e Telegram
Viabilità
Eventi
Meteo
Webcam
Pubblicità

  1. Ignazio Cacarcazzjo Rispondi

    Ho cercato un comunicato seguendo la fonte (Moto Club Stelvio International) ma non ho trovato nulla di ufficiale.

    Anche se la cosa è nell’aria da mesi….

  2. Elisabetta Rispondi

    Aprite un pro-motoraduno: 5€ a motociclista x aiutatvi!!! Non sarà molto ma è sempre qualcosa!!! Noi siamo in 2!!
    Saremo i primi a donare!!! Dai che ce la facciamo!!!

  3. Arnulf Rispondi

    Allora hanno vinto questi che provano di distruggere le cose che piacciono a noi tutti quanti.

  4. Benedetto Rispondi

    Che peccato …
    Hanno vinto chi non vuole i motociclisti sui passi ….

  5. Daniele Avenali Rispondi

    purtroppo credo che dai fatti di Torino e limitazioni dovute ad esso per via della sicurezza,terrorismo ecc.. tante altre manifestazioni salteranno. certo pensavo si partisse da raduni meno blasonati. sapere che qesto grande raduno non si farà è una bella mazzata. credo anche che poi la sua mancanza accenderà un campanello d’allarme per chi del turismo a due ruote vive e che magari riuscirà ad alleggerire norme impossibili oltre che diapendiose.
    speriamo bene.

  6. Natale Rispondi

    È un vero peccato, ma al tempo stesso approvo il fatto che un anno senza motoraduno , forse metterà in moto le rotelle di chi trae guadagno dell’indotto, ma reputa di non dovere supportare fattivamente ed economicamente l’organizzazione.

    Un sincero e sentito grazie a tutti coloro che in questi anni hanno donato il loro tempo, le proprie energie e non escluderei il loro denaro.
    Un plauso a tutti voi amici Biker !

  7. Andrea Rispondi

    Un altro posto non c’è che peccato

  8. Favaro Giorgio Rispondi

    Sono venuto l’anno scorso per la prima volta e stavamo già organizzando per venire anche quest’anno. Fatelo il prezzo non è un problema e sono d’accordo anche con la raccolta fondi per l’organizzazione ciao e ci vediamo su e giù per lo Stelvio 👍

  9. enzo rossignoli Rispondi

    do ragione ad ARNULF E BENEDETTO

  10. Giorgio dolce Rispondi

    Certo che se anche questo è la conseguenza del gesto idiota di due cretini in piazza a Torino…beh allora hanno vinto i cretini….

  11. Claudio Rispondi

    Nessuno puo’ vietare di venire lo stesso in una data stabilita in segno di protesta!

  12. Marinella F. Spada Rispondi

    Che peccato. Ma sinceramente vi capisco. Sarete sempre degni della nostra fiducia. E quando mancheranno gli incassi agli esercenti di colpo non saremo più i bambini in moto ma saremo portafogli assenti. Grazie per questi anni.

  13. Maury Rispondi

    Mi spiace, ho partecipato solo a quello del 2018 e speravo fosse il primo di una lunga serie. Speriamo che per i prossimi anni riescano a riorganizzato! 😔👋

  14. Luca Rispondi

    Ciao ragazzi…che tristezza…ho ben 58 anni e di raduni allo Stelvio ne ho fatti non meno di una dozzina. La miopia di chi governa ha distrutto anche la fantasia e la passione. Per non rischiare si abolisce tutto, per paura si blinda, per pseudo interessi legati a questo o quel partito ci hanno tolto anche il gusto delle nostre moto, delle nostre montagne, del nostro vivere insieme la gioia di sentirsi liberi. Se avete bisogno di qualsiasi cosa…nel mio piccolissimo, ci sono!

  15. Andrea 72 (Modena) Rispondi

    I primi a lamentarsi per il mancato evento dovrebbero essere gli albergatori e i ristoratori , certo che dispiace per questa scelta ma siate consapevoli che se iniziate a eliminare questa manifestazione difficilmente potrete recuperare i numeri che vi hanno reso le edizioni passate .

  16. Alessandro Rispondi

    Io e da anni che lo faccio ed è sempre una bella emozione, penso che 10€ a persona non manchino a nessuno, spero di tornarci, e cmq vada grazie per l impegno che avete sempre avuto

  17. Ricky TT Rispondi

    Dal 2007 sempre presente, ho sempre portato le mie moto ad ossigenare al Motoraduno dello Stelvio; che peccato interrompere una tradizione! Grosso errore!
    Poi si accorgeranno, come quando hanno mollato la gestione della Discela Libera di Coppa del Mondo a Bormio – ora ritornata a casa Stelvio – che il turismo vive di eventi, e che se vai a togliere rimani con niente!!
    Fatevi un giro all’Isola di Man per capire cosa sono le tradizioni per i motociclisti!!!

  18. Alvaro Rispondi

    Di certo queste restrizioni non le applicano al calcio da dove nasce il pericolo… Ma questa è l’Italia

  19. marino Rispondi

    faccio (o facevo) questo raduno dal 1982 senza saltare un anno
    mi dispiace un sacco per questa decisione ,una vera cazz..ta

  20. Ivo Rispondi

    Che tristezza, purtroppo l incompetenza della classe politica italiana impedisce di distinguere gli eventi, si proibisce tutto così ci si para il sedere uccidendo le passioni….e non dimentichiamo che alla classe dirigente la gente che si unisce, parla, si confronta e trae conclusioni fa molta paura…meglio che tutti si imballino il cervello chiusi in casa con i social …Non molliamo, la moto e libertà, passione e condivisione…nessuno potrà impedirci di salire allo Stelvio con le nostre amate moto e vivere la magia che ne consegue…w i motociclisti e w lo Stelvio!

  21. Tiziano Rispondi

    Scusate. Xche annullarla x questi cialtroni!!! Date un buono al momento della iscrizione Che possa essere presentato in fase di controllo!!!!

  22. Marco Rispondi

    Venite qui sapremo accogliervi al meglio

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie