Sabato 23 ottobre 2021

Attenzione alle prime gelate in quota

Condividi

gallerie Val Vedello Dall’inizio dell’anno i soccorsi eseguiti dal Soccorso Alpino della Guardia di Finanza sono stati 253 le persone recuperate 227.
Questa è la stagione più insidiosa per chi si avventura in alta quota infatti i rischi di caduta aumentano a causa dell’abbassamento delle temperature che rendono il terreno scivoloso per colpa della formazione di strati di ghiaccio resi ancora più subdoli se nascosti dai primi possibili spruzzi di neve.
Il S.A.G.F. raccomanda a tal proposito l’utilizzo di attrezzature idonee dal momento che i percorsi, che nel periodo appena concluso potevano essere affrontati con scarpe da trekking, adesso richiedono l’uso di ramponi da portare sempre al seguito nello zaino.
L’esercitazione si è inquadrata in questo scenario, ha visto coinvolte tutte le Stazioni S.A.G.F. della Lombardia e si è svolta tra quota 2.400 e 3.100 metri sul livello del mare tra la IV cantoniera del Passo dello Stelvio ed il Monte Scorluzzo per poi concludersi sul Ghiacciaio del Livrio.
Avuto riguardo all’alto numero dei militari coinvolti il Comandante Regionale della Guardia di Finanza Gen. Div. Carlo Ricozzi, profondo conoscitore dei teatri operativi montani, ha preso parte a tutte le fasi delle operazioni, constatando le tecniche di approccio e legatura in condizioni spazio temporali avverse lungo il percorso esposto ed innevato sulla cima del Monte Scorluzzo.
La stessa autorità di vertice ha testato personalmente l’efficienza dei soccorsi simulando il suo infortunio e recupero in un crepaccio. L’attrezzatura di recupero utilizzata, si contraddistingue da quella in uso per il fatto che può essere trasportata in quota senza l’utilizzo dell’elicottero: è costituita da moduli che possono essere assemblati sul luogo del soccorso anche in tempo di notte, su terreni altamente impervi e nelle condizioni climatiche più difficili.
La delicatezza dei compiti di soccorso e le responsabilità non lievi ad esse connesse richiedono che il personale SAGF si mantenga in costante efficienza con adeguati allenamenti e continuo addestramento. Va ricordato che la componente specialistica del Corpo della Guardia di Finanza è deputata ad assolvere compiti di Polizia Giudiziaria su terreni ostili ed è diventata un sicuro punto di riferimento anche per l’Autorità Giudiziaria.
Fonte: Comando Provinciale Guardia di Finanza di Sondrio

Ricevi le news su WhatsApp e Telegram

Lascia un commento

*

Ultime notizie