Lunedì 18 ottobre 2021

Bel tempo fino a sabato in provincia di Sondrio

Condividi

Sulle regioni alpine la pressione è in aumento e garantirà tempo stabile anche per il fine settimana. Oggi generalmente sereno o poco nuvoloso, salvo addensamenti a ridosso delle creste settentrionali al mattino. Possibile foehn nei fondovalle. Gli esigui apporti nevosi accompagnati da venti settentrionali hanno determinato la formazione di piccoli e isolati lastroni vicino alle creste più in quota che non influenzano la stabilità generale del manto nevoso; esso mantiene caratteristiche invernali solo oltre 2800 m nei versanti esposti a nord, con neve a debole coesione in superficie e ancora strati intermedi di cristalli angolari; alle altre esposizioni, in particolare quelle più soleggiate, la neve ha subito numerosi cicli di fusione e rigelo e presenta croste portanti in mattinata che si indeboliscono parzialmente con il riscaldamento. Nella fascia altimetrica medio-alta i vecchi lastroni presenti sui versanti in ombra possono essere staccati generalmente solo con forte sovraccarico, mentre nei pendii esposti a sud sono possibili scaricamenti e valanghe di neve bagnata sia provocati che spontanei. PERICOLO VALANGHE: 2 MODERATO su Retiche. 1 DEBOLE sui restanti settori. Il pericolo aumenta con il riscaldamento.
Venerdì cielo sereno al mattino poi velato, ventoso da Nord. Il manto nevoso si presenterà ben consolidato per rigelo nel corso della mattinata, il riscaldamento diurno comporterà un progressivo indebolimento dello stesso fino a 2600-2700 m di quota nei versanti meridionali. Nella fascia altimetrica medio-alta i vecchi lastroni presenti sui versanti in ombra potranno essere staccati solo con forte sovraccarico, mentre nei pendii esposti a sud durante le ore più calde della giornata saranno possibili scaricamenti e valanghe di neve bagnata sia spontanei che provocati. PERICOLO VALANGHE: 2 MODERATO su Retiche. 1 DEBOLE sui restanti settori. Il pericolo aumenta con il riscaldamento.
Sabato cielo generalmente sereno, qualche addensamento su Orobie e Prealpi. Il manto nevoso si presenterà ben consolidato per rigelo nel corso della mattinata, il riscaldamento diurno comporterà un progressivo indebolimento dello stesso fino a 2700-3000 m di quota nei versanti meridionali. Nella fascia altimetrica medio-alta i vecchi lastroni presenti sui versanti in ombra potranno essere staccati solo con forte sovraccarico, mentre nei pendii esposti a sud durante le ore più calde della giornata saranno possibili scaricamenti e valanghe di neve bagnata sia spontanei che provocati. Le valanghe potranno assumere medie dimensioni. PERICOLO VALANGHE: 2 MODERATO su Retiche. 1 DEBOLE sui restanti settori. Il pericolo aumenta con il riscaldamento.

Lascia un commento

*

Ultime notizie