Martedì 27 luglio 2021

Bormio ha rivissuto l’antica tradizione del Carnevàl di Mat

Condividi

Bormio Carneval MatIl Carnevàl di Mat è una tradizione antichissima che non ha eguali altrove. La gioventù del paese individuava il Podestà di Mat (Podestà dei Matti), principe eletto per burla che si sarebbe sostituito temporaneamente al Podestà grigione che governava il paese. Il suo regno durava una settimana durante la quale il potere era sospeso e l’unica regola era quella di vivere nel piacere e nel divertimento con il divieto di dedicarsi alle cose serie.
La pubblica investitura avveniva il martedì dell’ultima settimana di carnevale. Un lungo corteo carnevalesco, composto dai lacchè, i musici, la brigata dei matti a cavallo, il Dottore e l’Arlecchino, accompagnava il Podestà dalla sua abitazione sino alla piazza del Kuerc. Qui avveniva la nomina con un discorso, letto dal Dottore e ripetuto ad alta voce dall’Arlecchino, avente per oggetto i difetti fisici e morali, pubblici e privati dell’eletto. Seguiva la trascrizione degli ordini in suo nome condita da storielle riguardanti persone e avvenimenti del Contado. In questo modo si rendeva pubblico tutto quanto era avvenuto nel corso dell’anno, sia il conosciuto sia ciò che volutamente era stato taciuto.
Durante la settimana di regno, il Podestà e la sua compagnia dei matti, riscuotevano tasse e raccoglievano doni nelle valli circostanti e in Bormio.
Il sabato prima della fine del periodo di potere, ci si incontrava in piazza per cucinare la polenta da distribuire ai poveri.
La manifestazione odierna del Carnevale è una rivisitazione della Funzione dei Matti di un tempo: il Podestà di Mat prende simbolicamente il posto del Sindaco di Bormio per un giorno e l’Arlecchino, con la Compagnia di Mat, legge pubblicamente pettegolezzi e lamentele deposte in forma anonima dai cittadini nel corso dell’anno nell’apposita cassetta collocata in piazza del Kuerc.
Foto di Luca Pedrana

 

Lascia un commento

*

Ultime notizie