Mercoledì 04 agosto 2021

Caspoggio lascia l’Unione dei Comuni della Valmalenco

Condividi





L’Amministrazione Comunale di Caspoggio ha deciso nell’ultimo consiglio comunale del 18 giugno il recesso unilaterale dall’Unione dei Comuni lombarda della Valmalenco in alcune specifiche materie e funzioni: istruzione, diritto allo studio, cultura e turismo. A nulla è valso il tentativo di mediazione messo in atto dalla Prefettura di Sondrio.
L’Unione dei Comuni della Valmalenco, la prima in Valtellina, si è costituita nel 2001 con l’adesione dei Comuni di Caspoggio, Chiesa in Valmalenco e Lanzada e ha iniziato ad operare nel 2002 con lo scopo di razionalizzare, migliorare e potenziare i servizi forniti ai cittadini e a realizzare progetti a valenza sovra comunale per valorizzare il territorio e pianificare in forme più organiche la gestione del patrimonio paesaggistico. Tra i suoi scopi:
migliorare l’uso delle differenti risorse territoriali senza che venga alterata l’identità e la personalità giuridica dei Comuni;
rispondere in forma integrata alle esigenze dei cittadini, fornendo risposte in linea ai loro bisogni;
realizzare economie di scala;
creare un soggetto amministrativo forte per meglio affrontare la sfida competitiva tra territori e tra enti con livelli sempre più elevati di professionalità, competenza e specializzazione;
accedere con maggiori garanzie e punteggi a fonti di finanziamento provinciali, regionali e statali, ormai precluse ai singoli Comuni.

Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie