Mercoledì 28 luglio 2021

Chiavenna, cena con Gulasch per la Bosnia

Condividi

Torna la solidarietà da Chiavenna ai Balcani. Nella serata di sabato 22 novembre, allore ore 19.30, l’oratorio di San Luigi accoglierà una cena finalizzata sia alla raccolta di fondi per iniziative umanitarie, sia alla presentazione del Paese dei Balcani. Il menù sarà ancora una volta balcanico: le cuoche – alcune donne residenti a Chiavenna, ma originarie di Bosnia e Croazia – cucineranno il gulasch, tipica specialità dell’Europa orientale a base di carne, sugo di pomodoro, patate e spezie. Nei mesi scorsi la Bosnia è stata colpita da una tremenda alluvione. La catastrofe ha coinvolto un milione e mezzo di cittadini, dei quali 950.000 hanno dovuto spostarsi altrove per salvarsi. Più del 40% del territorio è stato invaso dalla forza distruttrice delle acque. Le famiglie e le imprese hanno perso tutto. Il Circolo Arci Mille papaveri rossi, Danzaconnoi e Il torchio antico, con il supporto dell’oratorio di San Luigi, hanno promosso una raccolta di fondi da destinare alla scuola di Maglaj, una città della Bosnia centrale. Il ricavato viene utilizzato per acquistare materiale didattico al liceo. La consegna del materiale viene effettuata direttamente alle insegnanti da alcuni valchiavennaschi: questo consente di assicurare che non ci sono sprechi. In agosto sono stati donati i primi apparecchi. Per ricevere ulteriori informazioni e prenotazioni ci si può rivolgere al Circolo Arci Mille Papaveri rossi di Pratogiano, al Torchio Antico o ai numeri di telefono 392.9581625 (Lidija) e Louis (3280917670). Il costo di partecipazione sarà di venti euro per gli adulti e di dodici per i bambini.

Lascia un commento

*

Ultime notizie