Lunedì 18 ottobre 2021

Chiavenna, Giovanni Pirondini in mostra con tema e variazioni

Condividi

La reciprocità di rimandi tra musica e pittura ha sempre permeato in maniera profonda la produzione pittorica di Giovanni Pirondini, già all’epoca dei suoi lavori in ambito informale e astratto. Infatti, come dimostra il celebre Broadway Boogie Woogie di Piet Mondriaan (1943), il ritmo e il timbro possono suggerire vere e proprie “composizioni”, che traducono in forma visibile l’andamento delle onde sonore: un’operazione, questa, resa molto più agevole dal fatto di aver abbandonato i classici presupposti della figurazione.
Appassionato melomane, Giovanni ha tuttavia deciso di affrontare una serie di soggetti (i suoi temi) attraverso elaborate serie di variazioni, ma sempre e a tutti i costi restando nell’ambito del figurativo. Una scelta non facile, che presenta innumerevoli ostacoli sia dal punto di vista compositivo che cromatico, ma soprattutto di significato. Perché progettare le contorsioni del proprio corpo nello spazio, o le combinazioni possibili tra epidermide e muscoli facciali sul proprio volto? Perché indagare volti familiari o estranei attraverso il ritratto? Perché unire mimica ed espressione nelle figure di celebri direttori d’orchestra, o nel volto di un bambino?
Innanzitutto, dice l’artista, per indagare il cuore della pittura, che è la forma creata dal colore. L’esercizio del ritratto e dell’autoritratto diventa così un’occasione, imperdibile, per agire con i colori e la luce, per far emergere ed esplorare elementi anatomici nuovi: “devo riuscire a dare un colore ad una persona, allora è come se l’avessi capita e il ritratto è riuscito”.
Da qui il titolo della mostra, alla sua seconda tappa dopo l’esordio sondriese (9>23 febbraio 2014), dove “variazione” significa mutamento, trasformazione. Infatti, nella forma musicale della “variazione” il tema si espone, si completa e riceve nuovi ornamenti. Così anche in pittura la melodia (la figura), il ritmo (l’organizzazione dello spazio), e il timbro (il colore) vengono continuamente ripensati, rinnovando, sfruttando e valorizzando ogni loro risorsa e possibilità.

Lascia un commento

*

Ultime notizie