Lunedì 29 novembre 2021

Chiudono le terme della Val Masino

Condividi

bagni masino Non è un fulmine a ciel sereno, ma è una notizia che lascia comunque l’amaro in bocca quella pubblicata da “La Provincia di Sondrio” in questo articolo, che annuncia la chiusura della stazione termale dei Bagni di Masino.
Come riportato dal quotidiano sondriese “è datata 16 febbraio la comunicazione ufficiale a palazzo Muzio da parte della società Relais Bagni Masino della cessazione del contratto di gestione della struttura termale in Valmasino. La Provincia era legata da un protocollo di intesa con il gestore delle terme, in base al quale l’ente pubblico si impegnava nella pulizia della strada di accesso ai Bagni Masino e a mettere a disposizione un geologo per la verifica costante delle condizioni di sicurezza del versante che sovrasta la struttura. Era dal 2009 che la società gestiva la struttura e da sempre la fragilità del versante che incombe sui Bagni ha costituito una spada di Damocle per l’attività”.
Ora gli enti locali competenti hanno deciso di chiudere l’ultimo tratto di strada provinciale di accesso, mentre non si annunciano a breve all’orizzonte nuovi gestori.

  1. Laura Sivilotti Rispondi

    Gentili signori, in qualità di amministratore della società Relais Bagni Masino, in seguito alla notizia da voi riportata e apparse sulla stampa in merito alla chiusura delle Terme di Masino, ritengo opportuno fornire alcune precisazioni http://www.valtellinamobile.it/terme-masino-il-bilancio-e-gli-auspici-dellex-gestore-dei-bagni/

  2. Se il problema era la sicurezza della strada e della montagna, e se (come è probabile) i costi per rimediare a questo problema erano proibitivi, non c’è molto da dire. E’ certo però che stiamo perdendo uno dei capisaldi della storia del termalismo non solo lombardo, ma anche alpino e italiano. Siamo davvero certi dell’impossibilità di una soluzione?

  3. Andrea Beltrami Rispondi

    Son d’accordo con lei. Andrea Beltrami.

  4. Sara Spini Rispondi

    E per i clienti come me che avevano creduto nella struttura e investito anche in voucher dono come ci si regola? Chi restituirà i soldi visto che i buoni hanno scadenza un anno e non potranno più essere utilizzati?
    Perchè mi sembra non debba essere il cliente finale a rimetterci in questo caso non credete?

  5. Giovanni Aguzzi Rispondi

    Un vero peccato non poter accedere più a questa bella struttura termale, unica nella sua accoglienza e semplicità della zona.
    Peccato… forse in quel luogo la Natura non è delle più clementi, ma è anche il motivo che le rende speciali. Inutile accanirsi nel voler tenere un posto “civilzzato” a tutti i costi in un luogo dove, evidentemente, costa troppo manutenerlo, ma è un vero peccato.
    Giovanni

Lascia un commento

*

Ultime notizie