Martedì 28 settembre 2021

La testimonianza di chi ha incontrato l’auto contromano sulla statale 36

Condividi




Un lettore iscritto a WhatsApp (di Sondrio che lavora a Milano e che percorre la statale 36 un paio di volte alla settimana) ci chiede di portare la sua testimonianza, dopo avere incontrato l’auto contromano segnalata venerdì scorso.
“Faccio quella strada due volte la settimana e l’auto contromano è il mio incubo peggiore. Oggi pomeriggio mentre con la famiglia andavo verso l’aeroporto ho incrociato questo disgraziato con l’utilitaria grigia che procedeva in direzione nord come se niente fosse. Abbiamo lentamente cambiato corsia contando i secondi che passavano dall’incrociarlo mentre i suoi fari si avvicinavano velocemente. Può essere entrato in direzione contraria a Dervio o a Bellano, se non addirittura più sotto. E’ un vero miracolo che non sia successo niente. Mi sono messo in contatto immediatamente con la Polizia Stradale di Lecco, ma sembra che non sia stato possibile intercettarlo e nemmeno identificarlo. Ma non ci sono le telecamere? Serve una mobilitazione mediatica importante e urticante perché si capisca l’origine di questo fenomeno così ricorrente e si cerchi una soluzione pratica e veloce. Non è possibile che sulla nostra strada nel 2021 non si trovi il modo di dissuadere un automobilista dall’imboccare la statale 36 al contrario. Questa volta non è successo nulla di grave, ma è stato solo un puro caso”.
La notizia del 6 agosto
Giornata di esodo verso le località di montagna e nuovo episodio di un fatto che dovrebbe provocare immediato riscontro in un paese normale, ma si vede che finché non ci scappa il morto non è ritenuto vitale farlo.
Verso le 15:40 infatti siamo stati informati da diversi iscritti a WhatsApp di un’auto (utilitaria grigia) che viaggiava contromano sulla strada statale 36 tra Bellano e Piona in direzione nord.
Pare evidente che ci sia una falla nel sistema e che vada risolto. Ma
Le notizie analoghe precedenti
Nuovo episodio: contromano sulla statale 38
Momenti di vero pericolo pochi minuti fa, e immaginiamo anche di terrore per i protagonisti dell’episodio, sulla statale 36. Poco dopo le 18 un lettore (iscritto al servizio WhatsApp) ci ha informato di avere appena incrociato nella galleria dopo Abbadia Lariana, in direzione nord, una macchina che procedeva contromano. Alessandro Baricci, di Mornago (VA), ci ha raccontato di avere evitato il pirata della strada per un pelo. Il suo commento, tra lo sbalordito e lo sbigottito è stato: “Non riesco a capire da dove sia entrato sulla statale 36, a meno che non abbia fatto un’inversione a u in un parcheggio laterale”.
Non è la prima volta che si sente parlare di episodi simili. Di certo il rischio di raccontare una tragedia invece che di uno spavento è stato alto.
Crediamo ci siano le telecamere che avranno ripreso la follia automobilistica che Baricci ci ha dettagliato, ma sarebbe opportuno capire come fa una macchina, ovviamente per errore, a immettersi contromano su una delle strade più trafficate, e quindi pericolose, d’Italia.
Altre testimonianze per episodi simili
Alessandro Fumagalli ci scrive che il 30 marzo analogo episodio gli è capitato, ma in questo caso sulla nuova strada statale 38, dove ha incontrato un autotreno in contromano, in direzione sud, a Regoledo di Cosio.
Roberto Scortaioli di Cosio Valtellino ci scrive: “anche a me è capitato tre anni fa sulla strada statale 36 ad Abbadia Lariana dopo il distributore. Aandavo verso Lecco quando ad un certo punto vedo un pulmino trasformato in camper venirmi incontro. Ho frenato di colpo, si trattava di un ragazzo straniero, penso olandese dalla targa del mezzo. Ha inchiodato anche lui, ha fatto un’inversione a u ed è ripartito senza neanche scusarsi… Comunque mi è andata bene perché erano le 4 del mattino e non c’erano altre auto sulla carreggiata”.
Anche questi episodi a dir poco inquietanti e assurdi. In epoca di navigatori satellitari sui mezzi tra l’altro.
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie