Martedì 22 giugno 2021

Cosa succede se gli acquisti a Livigno non rientrano nelle franchigie

Condividi





quando apre passo forcolaCOSA SUCCEDE QUANDO GLI ACQUISTI NON RIENTRANO NELLE FRANCHIGIE
I beni acquistati in Livigno o in Svizzera non rientranti nelle franchigie, devono essere dichiarati immediatamente al Personale della Guardia di Finanza o dell’Agenzia delle Dogane al valico di confine al rientro nel territorio doganale dello Stato. Per la provincia di Sondrio i valichi di confine doganale sono:
sede staccata di Piattamala – Tirano (confine con la Svizzera e Livigno);
sezione operativa territoriale di Passo del Foscagno (confine con Livigno);
sezione operativa territoriale di Villa di Chiavenna (confine con la Svizzera e Livigno).
I diritti da pagare incidono percentualmente sul prezzo di acquisto per circa il 25% (dazio più IVA).
L’incidenza fiscale è invece maggiore per le bevande alcoliche, per la carne e la bresaola.

Cosa succede se non si dichiara in dogana la merce che eccede la franchigia
Le merci che passano senza dichiarazione dalla dogana del Foscagno
Le merci che si possono importare da Livigno verso la Svizzera
Livigno, quantità ridotta in franchigia per frontalieri e residenti
Livigno prezzo benzina diesel Gpl
Come si spiega il prezzo della benzina a Livigno

Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie