Martedì 26 ottobre 2021

Da Tirano a San Romerio anche in bici, ora si può (fino al confine)

Condividi





Novità per il sentiero solivo con bellissime viste panoramiche che da Tirano, precisamente dalla frazione Piazzo di Baruffini porta al confine del Sasso del Gallo e, quando sarà possibile in base all’andamento della pandemia, l’accesso in Svizzera, collega a Viano e San Romerio per poi proseguire verso la Svizzera interna.
Un tragitto di 3 ore a piedi da Piazzo con pendenze accessibili a tutti che ha visto la recente realizzazione da parte della Comunità Montana Valtellina di Tirano su indicazione del Comune di Tirano di 600 metri di deviazione rispetto all’antico tracciato (per evitare il corpo frana sopra la caserma del sasso del Gallo) e il collegamento della pista forestale che sale, nel territorio di Sernio, dalla diga di Lovero a Parlenti di Baruffini dove è stato realizzato (a partire dal sentiero Valtellina) un tracciato pedonale o per biciclette di facile percorrenza e di particolare valore paesaggistico e che proietta verso la Svizzera interna. A darne notizia il sindaco di Tirano che scrive inoltre: “le leggende tramandate da secoli narrano che il Sasso del Gallo ha tale denominazione perché da quella via entrarono le truppe dei Franchi di Carlo Magno nell’800 d.c. che poi ebbero sul Mortirolo uno scontro cruento con i Longobardi. Antichi sentieri che vengono rivalutati e connessi che raccontano nelle pietre e nel percorrerli l’antica storia del nostro territorio di confine. San Romerio (chiesa millenaria) è dal 1512 una enclave di Tirano in territorio Svizzero di proprietà del Comune di Tirano che racconta il nostro legame con la Valposchiavo.

Shopping Tirano

Plozza Vini

Enti e uffici turistici Tirano

Consorzio Turistico Media Valtellina Terziere Superiore

Ricevi le news su WhatsApp
OFFERTE DEL GIORNO AMAZON




Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

Ultime notizie