Lunedì 20 settembre 2021

Definito il trasporto pubblico locale per l’inizio delle scuole

Condividi





Si rende noto che, in vista dell’avvio delle lezioni in presenza e dell’entrata in vigore dell’obbligo del “green pass”, il Prefetto di Sondrio ha presieduto in data odierna la riunione del “Tavolo di Coordinamento nel settore del trasporto pubblico locale” istituito per la definizione del più idoneo raccordo tra gli orari di inizio e termine delle attività didattiche e gli orari dei servizi di trasporto pubblico locale, urbano ed extraurbano, di cui all’art. 21, comma 3 del D.P.C.M 2 marzo 2021.
Durante l’incontro sono state focalizzate le più importanti novità introdotte con l’Ordinanza del Ministro della Salute di concerto con il Ministro delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili del 30 agosto scorso che caratterizzano l’avvio di quest’anno scolastico: il 100% della didattica in presenza ormai generalmente prevista per tutte le scuole di ogni ordine e grado, l’introduzione dell’obbligo “green pass” per il personale scolastico e la previsione della capienza dei mezzi di trasporto locale all’80%, come definitivamente approvato dal Comitato Tecnico Scientifico del Ministero della Salute.
Infatti, in ragione dell’attuale livello di popolazione vaccinata ed in considerazione delle evidenze scientifiche sui tempi di permanenza medi dei passeggeri sui mezzi di trasporto, il coefficiente di riempimento dei veicoli adibiti al trasporto pubblico locale ed extraurbano e delle vetture NCC non può essere superiore all’80% dei posti consentiti dalla carta di circolazione, prevedendo prioritariamente l’utilizzazione dei posti a sedere.
Con riferimento alla programmazione dei servizi per la mobilità locale, è stato approvato il Piano del Trasporto pubblico locale predisposto dall’A.T.P.L. sulla scorta dei dati ricevuti dai soggetti interessati e sono stati garantiti – al fine di fronteggiare le esigenze di trasporto conseguenti alle misure di contenimento della diffusione del COVID-19 – alcuni servizi aggiuntivi ad esclusivo uso degli studenti della scuola secondaria di secondo grado.
Infine, nel confermare le consuete indicazioni fornite dal CTS, è stato precisato che tutti gli utenti dei servizi di trasporto pubblico devono indossare, oltre ai casi espressamente previsti, sempre la mascherina chirurgica o altro dispositivo di protezione individuale di livello superiore negli spazi al chiuso o anche all’aperto nel caso in cui non sia assicurato il distanziamento interpersonale di un metro.
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie