Martedì 03 agosto 2021

Della Bitta: basta campanilismi per essere protagonisti nel turismo

Condividi

Luca Della BittaIn carica da settembre 2014 Luca Della Bitta, come Presidente della Provincia di Sondrio, ha dovuto affrontare mesi nei quali l’istituzione è sembrata ad un passo dal default, o, comunque, non in grado programmare un’operatività se non di breve periodo.
Non è questa la sede per fare cronaca locale e politica, ma, ora che sembra superata questa prospettiva, lo abbiamo incontrato per sapere qualcosa in più sul prossimo futuro dell’ente, soprattutto in ottica turistica per Valtellina e Valchiavenna.
Qual è lo stato dell’arte oggi per la Provincia?
“La Provincia di Sondrio sta attraversando una fase di passaggio. La nuova Amministrazione Provinciale che stiamo costruendo nasce dal fatto che un mese fa il rischio chiusura è stato concreto a causa dei tagli legati alla legge di stabilità. Ora, invece, siamo parte di un progetto, grazie alla proposta di Regione Lombardia, che vede il nostro territorio come un laboratorio di possibili forme di autonomia, che non può non derivare dalla prospettiva di gestire anche le risorse”.
Il turismo come verrà interessato dal progetto?
“Le competenze turistiche al momento non sono certe, lo saranno lungo il cammino intrapreso verso queste forme di autonomia. Sicuramente per essere protagonisti in chiave turistica la sfida deve essere giocata in casa”.
Quali sono idee e obiettivi che ha in mente per il suo mandato?
“La prima riflessione che dobbiamo fare è guardare in modo oggettivo agli errori commessi nel passato, da cui risultano evidenti alcuni elementi di criticità. L’obiettivo primario è una strategia condivisa. In secondo luogo che ognuno faccia il proprio mestiere, con chiarezza di ruoli tra operatori privati e settore pubblico. Basta personalismi e campanilismi che ci indeboliscono e che non ci lasciano sfruttare le nostre potenzialità. Ritengo sia giunto il momento di deporre le armi per un obiettivo comune, che non vuol dire cancellare le specificità, anzi, ma, al contrario, lavorare insieme nell’interesse di tutti”.
Ci segue e condivide sui suoi social dal principio, cosa vede in Valtellina Turismo Mobile?
“VTM è la dimostrazione che l’utilizzo competente delle nuove tecnologie può portare dei risultati per la Valtellina. Più iniziative di comunicazione valide ci sono sul territorio e maggiore è il beneficio che ne ricaviamo”.

Lascia un commento

*

Ultime notizie