Mercoledì 20 ottobre 2021

Demolito un ricovero per cavalli abusivo in zona vincolata

Condividi

La salvaguardia del territorio rientra tra i compiti dell’Arma dei Carabinieri allo scopo di assicurare il rispetto della legge e della sicurezza per la popolazione, soprattutto nelle aree soggette a rischio.
In tale contesto i militari della Stazione di Campodolcino, dopo aver svolto accurate verifiche, hanno denunciato per abusivismo edilizio una 35enne di Madesimo ed altre 4 persone responsabili a vario titolo del reato. In particolare è stata accertata la realizzazione di un manufatto consistente in un box – ricovero per cavalli di circa 40 metri quadrati di superficie in località Zerbi di Madesimo in una zona sottoposta a vincolo ambientale in quanto a rischio valanghe.
I proprietari hanno sperato fino all’ultimo di poter beneficiare di una sanatoria che permettesse di mantenere il loro abuso realizzato nel 2018, ma è stato disposto prima il sequestro della struttura e poi, alcuni mesi fa, la demolizione che è stata portata a termine il 27 maggio u.s., a causa delle abbondanti nevicate di questo inverno e dell’emergenza Covid-19. Per il ripristino dei luoghi come in origine è stato necessario l’intervento di un’impresa che ha dovuto utilizzare una ruspa per poter smantellare la base in cemento su cui poggiava l’intera struttura.
L’attività di demolizione rappresenta un segnale di legalità per un utilizzo consapevole del territorio, per preservare i luoghi per tutti coloro che ne beneficiano ed evitare costruzioni in aree pericolose.
Fonte: Carabinieri Compagnia Chiavenna

Sostieni Valtellina Turismo Mobile
Pubblicità su Valtellinamobile.it
Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

Ultime notizie