Lunedì 02 agosto 2021

Domani possibili rovesci, mercoledì sereno

Condividi

Correnti occidentali, umide e molto calde, transitano sulle regioni alpine determinando, fino alla prossima nottata, condizioni di tempo instabile sulle montagne lombarde; da martedì graduale miglioramento. Oggi cielo prevalentemente coperto con locali rovesci nel corso della mattinata e maggiori probabilità di fenomeni temporaleschi dal pomeriggio, localmente anche di forte intensità. Venti da deboli a moderati in montagna con raffiche in concomitanza dei temporali. Temperature in lieve graduale diminuzione. Deboli nevicate (5-10 cm) si sono verificate durante il fine settimana oltre 3300 metri. I nuovi eventi perturbati, previsti per la giornata odierna, determineranno ulteriori apporti nevosi, con possibile grandine, oltre i 3000 m. Raffiche di vento favoriranno un’irregolare distribuzione con formazione di accumuli sui pendii sottovento ed al di sotto delle creste principali. Attualmente sono possibili scaricamenti e piccole valanghe di neve bagnata dove le precipitazioni sono state piovose; in presenza di recenti lastroni in quota e di neve bagnata, il distacco è possibile anche con debole sovraccarico. Pericolo di distacco in aumento con le nuove precipitazioni.
Martedì cielo a tratti nuvoloso con possibilità di locali addensamenti cumuliformi a cui potranno essere associati brevi rovesci o temporali. Le recenti precipitazioni, accompagnate da raffiche da Sud-Ovest, avranno favorito l’incremento di accumuli sui pendii sottovento ed al di sotto delle creste principali. Saranno possibili scaricamenti e piccole valanghe di neve bagnata dove le precipitazioni saranno state piovose. In presenza di nuovi lastroni in quota e di neve bagnata, il distacco sarà possibile anche con debole sovraccarico.
Mercoledì nella mattinata cielo prevalentemente sereno o poco nuvoloso, nel corso della giornata possibile formazione di qualche cumulo e non si esclude la possibilità di isolati rovesci. La neve recente potrà produrre ulteriori scaricamenti e piccole valanghe di neve bagnata; gli accumuli presenti sui pendii sottovento ed al di sotto delle creste principali, nonché strati superficiali di neve bagnata, si potranno staccare anche con debole sovraccarico.
Fonte: Arpa Lombardia

Ricevi le news su WhatsApp e Telegram

Lascia un commento

*

Ultime notizie