Sabato 31 luglio 2021

Domenica nuvoloso con deboli precipitazioni

Condividi

San Giuseppe e ChiareggioUna saccatura in avvicinamento da ovest determina instabilità per il fine settimana con un temporaneo abbassamento delle temperature. In seguito di nuovo tempo più stabile. Oggi residue schiarite sulla fascia orientale al mattino poi cielo molto nuvoloso con deboli precipitazioni, limite della neve intorno a 1900 m. La nuova neve non influenza il consolidamento del manto nevoso mentre la diminuzione delle temperature contribuisce ad aumentare le resistenze oltre i 2200 m di quota. Il manto nevoso mantiene caratteristiche invernali oltre 2800 m nei versanti esposti a nord, con neve a debole coesione in superficie e ancora strati intermedi di cristalli angolari; alle altre esposizioni, in particolare quelle più soleggiate, la neve ha subito numerosi cicli di fusione e rigelo e presenta croste portanti in mattinata che si indeboliscono con il riscaldamento. Nella fascia altimetrica medio-alta i vecchi lastroni presenti sui versanti in ombra potranno essere staccati generalmente solo con forte sovraccarico, mentre nei pendii meridionali sono poco probabili scaricamenti e valanghe di neve bagnata sia provocati che spontanei. PERICOLO VALANGHE: 2 MODERATO su Retiche. 1 DEBOLE sui restanti settori, in aumento con deboli precipitazioni e parziale riscaldamento.
Domenica cielo molto nuvoloso con isolati rovesci in montagna al mattino, qualche schiarita al pomeriggio-sera. Nella fascia altimetrica medio-alta i vecchi lastroni presenti sui versanti in ombra potranno essere staccati generalmente solo con forte sovraccarico, mentre nei pendii meridionali saranno poco probabili scaricamenti e valanghe di neve bagnata sia provocati che spontanei. PERICOLO VALANGHE: 2 MODERATO su Retiche. 1 DEBOLE sui restanti settori, in aumento con deboli precipitazioni e parziale riscaldamento.
Lunedì cielo poco nuvoloso al mattino nubi più diffuse sul settore Retico. Dal punto di vista nivologico i problemi principali saranno di nuovo il riscaldamento diurno e lo scarso rigelo che indeboliranno il manto nevoso alle quote intermedie (2000-3000 m). Nella fascia altimetrica medio-alta i vecchi lastroni presenti sui versanti in ombra potranno essere staccati solo con forte sovraccarico, mentre nei pendii esposti a sud durante le ore più calde della giornata saranno possibili scaricamenti e valanghe di neve bagnata sia spontanei che provocati. PERICOLO VALANGHE: 2 MODERATO su Retiche. 1 DEBOLE sui restanti settori. Il pericolo aumenta con il riscaldamento.
Fonte: Arpa Lombardia 

Bollettino neve

Ricevi le news su WhatsApp e Telegram

Lascia un commento

*

Ultime notizie