Giovedì 21 novembre 2019

Due mesi per permettere il collegamento viario con S. Caterina Valfurva

Condividi

Nuovi aggiornamenti sulla situazione della frana del Ruinon in Valfurva e sugli interventi previsti per il ripristino dei collegamenti e la riapertura della strada provinciale 29
L’eventualità di un collasso generale della frana non è un’ipotesi da escludere e non può essere affrontata con interventi diretti a impedirne il collasso, ma solo a mitigarne gli effetti, soprattutto per quanto attiene la protezione della viabilità locale.
La frana, i cui inizi risalgono al 1997, è interessata al momento da diversi interventi. Disgaggio e demolizione dei massi più instabili, opere di captazione e collettamento delle acque sul versante destro della frana (lato Bormio), realizzazione di un rilevato con vallo paramassi e creazione di un by pass stradale ai piedi del rilevato per il superamento in condizioni di sicurezza del tratto a rischio di frana. Questo by-pass sarà realizzato, secondo quanto comunicano gli enti competenti, prima della stagione invernale (lavori previsti in circa due mesi) per permettere il collegamento viario con e da Santa Caterina Valfurva.
Da questo nuovo video rispetto al precedente si possono vedere proprio i lavori di disgaggio e demolizione dei massi più instabili sul corpo della frana.

News su WhatsApp e Telegram
Viabilità
Pubblicità
Contatti

  1. Mary Rispondi

    Spero che i tempi vengano rispettati, perché
    mi pare si sia già aspettato troppo. Ho soggiornato ai primi di settembre a S.Caterina ed era di uno squallore impressionante, il deserto risulta essere più abitato. Perché il posto è stupendo, diversamente una persona non si sarebbe sentita in vacanza ma in galera. Per non parlare del disagio degli abitanti, costretti a lasciare le proprie case, le proprie cose e sopratutto le proprie attività. Spero proprio che la stagione invernale sia loro più proficua di quella estiva. I nostri politici si fanno grandi quando parlano della Lombardia quale regione all’avanguardia, ma a mio avviso è solo propaganda in quanto in questi mesi nessuno si è preoccupato degli abitanti di S.Caterina.

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie