Mercoledì 23 giugno 2021

Esaminata la sicurezza delle 109 funivie in provincia di Sondrio

Condividi





In data odierna il Prefetto di Sondrio, a seguito del tragico incidente dello scorso 24 maggio che ha provocato 14 vittime a Stresa, ha presieduto una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e per la Sicurezza Pubblica per esaminare gli aspetti legati alla sicurezza degli impianti a fune attivi in provincia di Sondrio.
Dopo aver preso atto del numero (109) e della tipologia degli impianti presenti in questa provincia (4 funivie bifune, 1 funicolare, 14 cabinovie ad agganciamento automatico, 24 seggiovie ad agganciamento automatico, 28 seggiovie ad attacchi fissi e 38 sciovie), i rappresentanti del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili hanno garantito l’ottimo stato dei sistemi di risalita atteso che gli stessi, a seguito dei nullaosta rilasciati per la nomina dei direttori o dei responsabili dell’esercizio di ogni impianto e dell’approvazione dei regolamenti di esercizio delle infrastrutture, sono sottoposti a scrupolose verifiche e prove funzionali periodiche, sia strumentali sia a vista, che, con l’aumentare della distanza temporale, diventano sempre più approfonditi e rigorosi. “Si riescono ad effettuare nei tempi prescritti tutti i controlli programmati, per cui non sussiste alcuna preoccupazione sulla sicurezza degli impianti”. “Gli impianti sono e devono essere sicuri, perché bisogna operare sia professionalmente che eticamente”.
Stelvio: apertura posticipata degli impianti
Gli impianti a fune sono i mezzi di trasporto più sicuri al mondo

Le altre news di oggi
Ricevi le news su WhatsApp




Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

Ultime notizie