Giovedì 17 giugno 2021

Frizzante e partecipata la presentazione della Pro Loco Bormio

Condividi

Ieri sera a Bormio eravamo presenti all’attesa assemblea pubblica della Pro Loco di Bormio, nel corso della quale sono state presentate le attività passate e future dell’ente.
Di seguito un estratto di quanto detto e presentato durante la serata: lasciamo a voi i commenti.
Il direttore Maurizio Seletti ha presentato la Pro Loco illustrando quanto fatto sino ad oggi:
-approvazione del regime fiscale agevolato;
-assunzione del personale;
-richiesta contributi a Comune e Comunità Montana Alta Valtellina;
-nuovo regolamento interno;
-riorganizzazione dell’ufficio;
-nuova pianificazione con riunioni del consiglio a cadenza quindicinale.
Successivamente ci si è concentrati sulla presentazione del nuovo piano di comunicazione. Va rimarcato che, come previsto, il tema della comprensorialità è stato a lungo dibattuto. In particolare sono stati presentati:
-nuovo logo per Bormio e valli limitrofe, divulgazione e brand awareness;
-emanazione comunicati stampa (8 totali che hanno portato un controvalore economico di € 520.000, secondo i dati forniti da Press Index;
-presentazione stagione invernale 2014-2015 in data 28 ottobre a Milano, oltre a incontro al Castello Sforzesco per promozione territorio, ma ancora da definire in dettaglio.
-organizzazione media trip con giornalisti;
-visite presso redazioni testate giornalistiche milanesi;
-press coverage;
-contatti con ufficio stampa tedesco per promozione eventi “bike” su riviste del settore, con l’intenzione di spingere molto la bike all’estero;
-foto shooting realizzato da Markus Greber, più altri servizi da realizzare più avanti;
-Web: pubblicato ieri il nuovo sito comprensoriale e istituzionale www.bormio.eu;
-social: attualmente facebook e you tube, si punta molto sui contenuti e quindi sul SEO;
-televisione: 4 progetti con oltre 14 ore di esposizione. In discussione programmazione spot su reti Mediaset e Sky.
-Merchandising come potenziale fonte di reddito a disposizione della Pro Loco.
PRESENZE
Analisi inverno ed estate con riferimento particolare a:
-presenze altalenanti;
-difficoltà del mercato italiano;
-stabilità stagione invernale;
-crescita stagione estiva (grazie agli stranieri).
TASSA DI SOGGIORNO
A fine agosto la tassa ha generato entrate per 441.600 € di cui 96.500 € arrivati nelle casse della Pro Loco, mentre la restante parte è in attesa di essere sbloccata da parte del Comune.
A questo proposito è intervenuto il sindaco di Bormio, contento dei risultati ottenuti con la tassa, manifestando l’apertura allo svincolo dei proventi da destinare alla Pro Loco, ma in maniera controllata e gestita, anche perché la pubblica amministrazione vorrà essere tenuta al corrente di come e quando verranno spesi quei soldi.
A fine assemblea sono intervenuti diversi partecipanti alla serata.
Un albergatore ha lamentato il fatto che dopo aver raccolto più di 400.00 € con la tassa di soggiorno gli venissero chiesti soldi per associarsi alla Pro Loco. Renato Fuchs (presidente Bormio Terme) e Seletti hanno tenuto a ribadire che c’è confusione sul fatto che la tassa venga pagata dal cliente e non dall’albergatore e che per andare avanti con il progetto Bormio e Valli servano comunque altri soldi.
Laura Sala, presidente dei Commercianti di Bormio in sintesi ha lamentato che a Bormio si fanno troppe chiacchiere, ma pochi fatti e quando si tratta solo di discutere gli operatori sono tutti contenti e d’accordo, ma quando c’è da fare e soprattutto investire risorse, la maggior parte si tira indietro.
In particolare un commerciante di Bormio (Cleo Sole Moda) ritiene il progetto troppo orientato allo sport ed al benessere e vede tagliate fuori le altre categorie. Seletti ha risposto dicendo che hanno avuto poco tempo a disposizione e che sicuramente in futuro il tiro verrà equilibrato
Ivana Frigerio di Case Vacanza Bormio ha manifestato l’esigenza di un sistema di online di booking che risponda al concetto di comprensorialità a cui Seletti ha risposto affermando che è un obiettivo da raggiungere, ma prematuro. Prima bisogna far conoscere bene il territorio ai turisti.
Ovviamente non sono mancati riferimenti a Bormio Marketing, che la maggior parte dei presenti auspica possa riprendere forma, ma con decisi distinguo tra i pro e i contro, con questi ultimi che lamentano di essere oscurati da Bormio.
A cura del nostro inviato Cristian Vitali

Lascia un commento

*

Ultime notizie