Sabato 25 settembre 2021

Fungaioli lecchesi bloccati nei boschi di Bema, il SASL li recupera

Condividi

Usciti in cerca di funghi, si sono ritrovati in difficoltà nei boschi sopra Bema, bloccati in un’area rocciosa a strapiombo: non riuscivano più né a salire, né a scendere. I tecnici della Stazione di Morbegno del CNSAS (Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico) sono stati allertati oggi pomeriggio, sabato 15 agosto 2015, intorno alle 14:00, per andare in aiuto a due uomini di 47 e 44 anni di Bosisio Parini (LC). Erano partiti stamattina e dopo avere battuto le aree conosciute ai fungaioli, si sono portati in una zona a 1150 metri di quota, dove già in passato ci sono stati interventi di questo tipo, perché particolarmente impervia. Le squadre della VII Delegazione Valtellina – Valchiavenna, una decina le persone impegnate, hanno capito dove si trovavano, li hanno raggiunti, imbragati e con una serie di calate, per circa 300 metri, li hanno riportati a valle illesi e poi accompagnati alla loro auto. Erano infreddoliti e affaticati ma in buone condizioni di salute. L’operazione, condotta sotto la pioggia e in condizioni rese difficoltose dal terreno scivoloso, è terminata verso le 17:30.
Le piogge delle ultime ore inducono i cercatori di funghi a mettersi in cammino ma si tratta di un’attività non priva di rischi: in questi casi, la conoscenza meticolosa dei posti è importante, come pure un’attrezzatura che consideri soprattutto calzature adeguate. Se non si conoscono i posti, meglio chiedere alle persone che ci vivono o a chi conosce bene la montagna, perché andare nel bosco senza una meta precisa e senza sapere che tipo di territorio si affronta può essere pericoloso.
Fonte: Soccorso alpino e speleologico lombardo

Ricevi le news di Valtellina Turismo Mobile su WhatsApp

Lascia un commento

*

Ultime notizie