Venerdì 07 agosto 2020

Giro di vite per le motoslitte a Campodolcino

Condividi

Il Comune di Campodolcino ha varato un regolamento per vietare la circolazione di motoslitte e mezzi analoghi (come quad cingolati, moto da neve, battipista e altri veicoli e mezzi a motore atipici) in grado di circolare su ghiaccio o neve sull’intero territorio comunale, ad eccezione dei casi autorizzati, come nel caso di quelli in uso alle società di gestione degli impianti sciistici o di soccorso come quelli della Polizia e della Protezione Civile.
Sono inoltre vietati raduni non preventivamente autorizzati di motoslitte sulle piste innevate, anche nei periodi non interessati dall’apertura degli impianti di sci. Viene anche disciplinato l’uso dei mezzi delle ditte incaricate dai Consorzi del servizio di battitura delle piste per le motoslitte e della società proprietaria di un esercizio pubblico situato in località Motta Alta, in zona altrimenti non raggiungibile nel periodo invernale, ma anche in questo caso possono transitare per il solo trasporto di cose e al di fuori degli orari di apertura delle piste da sci.
L’autorizzazione verrà concessa ai richiedenti solo per raggiungere il proprio immobile o baita, secondo gli itinerari consueti e più brevi e ai soli membri dei tre Consorzi agro-silvo-pastorali le cui abitazioni e baite del territorio da essi sovrinteso sono raggiungibili in inverno unicamente mediante motoslitta: Consorzio di Bondeno, Consorzio Alpe Motta e Consorzio Valle di Starleggia.Il transito è autorizzato alle sole motoslitte in uso agli utenti debitamente autorizzati e muniti di targa. Sono stabilite aree di assoluto divieto di circolazione, “zone rosse”, obbligatoria la copertura assicurativa, vietato guidare in condizioni psicofisiche alterate, dare la percezione di generare eccessivo rumore e emissione eccessiva di gas di scarico, circolare con una motoslitta priva di numero di telaio o con un numero abraso o reso illeggibile. Controlli da parte di agenti di Polizia e sanzioni salate da 250 a 1.500 € per le violazioni, oltre ad arrivare al sequestro in taluni casi più gravi.
Fonte: Il Giorno

Sostieni Valtellina Turismo Mobile
Pubblicità su Valtellinamobile.it
Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

  1. Christian Rispondi

    Un’altro esempio di dittatura in Italia! Vergogna per l’ennesIma volta. Invece di favorire il turismo con motoslitte o altro cosa fanno? Prendono di mira i soliti appassionati con multe solo per far cassa!! E ora di finirla di farci sottomettere!!!

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ultime notizie