Giovedì 21 ottobre 2021

I lavatoi (büi) di contrada di Tirano

Condividi

I lavatoi (büi) di contrada di Tirano

Quanto mi è caro il lavatoio di S. Maria,
il lavatoio Vecchio, quello di piazza Parravicini
e di porta Milanese.
Quelle canne di acqua per noi
gente di contrada
erano come le mammelle
di una mucca per il vitello.
Intorno a quei lavatoi
era una fiera da mattina e sera,
bucati e secchi, chiaccherio di donne,
versi di ragazzi, rumori di secchi e
processione di mucche.
Noi ragazzi, come i maggiolini
a maggio intorno ad un lampione,
ci radunavamo intorno al lavatoio.
Assetati per il gran correre
ci si spingeva per prendere posto
sotto le canne.
Poi, con la testa ricurva
a bastone, con gli occhi chiusi
e con la bocca a imbuto
succhiavamo il getto.
L’acqua ci stracciava le labbra,
picchiava a martello
sui denti
che sembravano di vetro,
e ci chiudeva le narici
fino a farci soffocare.
Gridavamo: prima beviamo noi,
e poi le mucche se ne avanza!
Al lavatoio di S. Maria
sembrava che piangesse la mucca
del Pédru Bernardéla,
era lì che muggiva inquieta
con gli occhi intontiti
e con la pancia vuota.
Nessuna pietà! Ci toglievamo dalla canna
quando noi avevamo la pancia
gonfia come quella
di un gatto che aveva
mangiato una pantegana.
Caro il mio lavatoio di S. Maria,
ti ricordo quando,
al caldo torrido d’estate, noi
ragazzi con le mutande larghe e cadenti
facevamo salti nell’acqua
gelida e le ragazze saltavano
intorno al lavatoio e ridevano
perché a noi si vedeva tutto.
Caro lavatoio, ti ricordo anche quando la nonna
accendeva il focolare per far da mangiare
e mi chiamava nel cortile
per andare a prendere un secchio di acqua.
Ricordo il lavatoio di Porta Milanese
quando la bella Mariangela
con gran forza e gobba sulla piatta
mentre batteva i panni
faceva vedere le cosce e noi ragazzi
rannicchiati dietro la Santella
guadavamo di nascosto.
Ricordo in piazza Parravicini
quando ho preso una grande pedata
dal Pìstul perché avevo
tolto il tappo al lavatoio
e poi l’avevo nascosto nella corte
e così erano rimaste assetate le mucche.
Mi ricordo come fosse oggi
come erano arrabbiati quelli di via Trivigno
quando, pezzo per pezzo, hanno smontato
il lavatoio vecchio per far posto a una piazza.
Adesso, povero diavolo, è lassù che dorme
accanto alla chiesa di S. Agostino.
Quel lavatoio per noi ragazzi era sacro,
lì vi era una processione di mucche
che bevevano e che imbrattavano il selciato,
di donne e di ragazzi che
si divertivano con l’acqua.
Persino il Pèdru Méngu,
che all’osteria Cairoli
era stato battezzato con il vino
del Mazacavàl, si bagnava
i baffi per far loro prendere la piega.
E adesso? Adesso, cari lavatoi
servite ormai a poco o nulla.
Le vostre canne sono senza secchi
e la vostra acqua viene e va
come l’acqua dell’Adda che scorre
sotto il Ponte Vecchio e nemmeno un poco
rimane in casa.
Adesso siete come le fontane dei signori
che fanno soltanto bella mostra,
avete le canne mezze vuote che gorgogliano
e che sembrano piangere per il dispiacere,
ma per noi ragazzi di contrada
la vostra acqua rimarrà sempre
rosolio per il nostro cuore.

Ezio Maifrè

I büi de cuntràda.

Cùma ‘l m’è car ‘l büi de S. Marìa,
‘l büi Vècc, chèl de piàza Paravizìna
e de Pòrta Milanésa.
Chèli càni de àqua par nòtri
gént de cuntràda
i éra cùma li tèti del pècc
de ‘na vàca par al vedèl.
‘Ntùran a chèi büi
l’éra ‘na féra de matìna a sìra,
bügàdi e segiùn, ciaculà de fèmni,
gìgui de ràis, rumùr de sedèli e
prucesiùn de vàchi.
Nòtri bòci, cùma li quàzi
a macc ‘ntùran a ‘n lampiùn,
‘n sa ramàva ilò antùrno ‘l büi.
Ars de la sée par ‘l gran cur
e ‘n sa sbütàva par ciapà post
sùta li càni.
Po, cun la cràpa sturgiüda
a gianèta, cun i öcc saràa
e cun la bùca a pedriöl
‘n sciüsciàva ‘l gèt.
L’àqua la ma sgarbàva i britùn,
la picàva a martèl
süi i déncc
che i paréva de védru,
e la ma stupàva i böcc del nas,
fina a fach ‘ngusà.
‘N cridàva: prìma ‘n bév nòtri
e po li vàchi sa ‘l na rèsta!
Ilò al büi de S. Marìa
‘l paréva che ‘l lüciàs la vàca
del Pédru Bernardèla,
l’éra ilò che la pantegàva
cun i öcc ‘nbesüìi
e cun la büsèca schìscia.
Negüna pietà! ‘N mulàva la càna
quàndu ‘n gh’éra la busèca
stìnca cùma chèla
de ‘n gat che l’éra
maiàa ‘na pantegàna.
Car ‘l mè büi de S. Marìa,
ta regòrdi quàndu,
al sòfuch d’estàa, nòtri
ràis cun li müdàndi strepenàdi,
‘n tràva solcc ‘n de l’àqua
gélta e li ràisi li sultàva
‘ntùran al büi e li grignàva
parché a nòtri ‘n müsàva tüt.
Car büi, ta regòrdi àa quàndu l’àva
la pizzàva ‘l fugulàa par fa de mangià
e la ma ciamàva fo par la curt
de ‘ndà a tö ‘na sedèla de àqua.
Regòrdi ‘l büi de Pòrta Milanésa
quàndu la bèla Mariàngela
sùta sfors e gòba sü la piàta
‘ntànt che la picàva i pagn
la müsàva i galùn e nòtri bòci
‘ncrisciulàa derèe dela Santèla
‘n spiàva fo de piàch.
Regòrdi ‘n piàza Paravizìna
quàndu u brancàa ‘n gran pesciadùn
del Pìstul 1 parchè gh’éri
tiràa sü ‘l burùn al büi,
po l’éri piacàa int ‘n curt
e iscì l’è restàa a sèch àa li vàchi.
Ma regòrdi cùma füss iér
cùma i éra gnèch chèi de vìa Trevìn
quàndu, a toch a toch i à desfàa
‘l büi Vècc par fa post a ‘na piàza.
Adès, por lùu, l’è sü che ‘l dòrma
tacàa ala Gésa de S. Agustìn
Chèl büi par nòtri l’èra sàcru,
ilò l’éra ‘na prucèsiun de vàchi
che li bevéva e li ‘nsciutàva ‘l risc,
de fèmni e de ràis che
i sa badentàva cun l’àqua.
Fina ‘l Pédru Méngu
che ilò a l’usterìa Cairòli
l’éra stacc batezàa cu ‘l vin
del Mazacavàl, ‘l sa bagnàva
i barbìs par fach ciapà l’ùnda cürva.
E adès? Adès, car büi
servìi uramài a poch u negùta.
Li vòsi càni i è sénsa sedèli
e la vòsa àqua la vée a la va
cùma l’àqua de l’Àda che la cur
sùta ‘l Punt Vècc e gnàa ‘n pit
i ‘na rèsta ‘n ca.

Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

Lascia un commento

*

Ultime notizie