Martedì 22 giugno 2021

Il Comune di Val Masino vieta l’eliski

Condividi

Ordinanza n. 5 – 2019 Comune di Val Masino
Nell’ordinanza si legge “è fatto divieto a chiunque di praticare l’eliski (attività che consiste nel salire sulle pendici delle montagne con l’elicottero e poi scendere con gli sci) nella valle Merdarola dove viene attualmente praticato, e più in generale in tutto il territorio della Val Masino”. La sanzione per sciatori ed elitrasportatori è di 500 €, fatta salva l’azione penale nei casi previsti.
L’ordinanza ribadisce criteri ben noti a chi da tempo si batte contro l’invasione degli elicotteri alle alte quote, un mal costume purtroppo tollerato da molti, troppi sindaci di località alpine. “La pratica dell’eliski”, si legge nell’ordinanza della Val Masino, “risulta invasiva per il disturbo degli animali oltre che per gli altri frequentatori della montagna; favorisce il consumo usa e getta del territorio; svilisce la fatica e quindi la filosofia di una pratica naturale della montagna; costituisce un turismo di spreco delle risorse ambientali senza apportare alcun beneficio per la valle; rappresenta un’attività estremamente pericolosa, implicando la discesa fuori pista con il rischio di valanghe”.

News su WhatsApp e Telegram
Eventi
Viabilità
Pubblicità
Contatti

  1. Angelo Rispondi

    Bene è ora che qualcuno inizi a vietate cio’!
    Nelle esercitazioni di antincedio boschivo nelle valli nn lo lasciano usare ( e le esercitazioni sono per un bene comune)x nn disturbare la fauna nn vedo xkè per il diletto di qualcuno si possa far uso dell’elicottero!

  2. Carlo Egori Rispondi

    Bene la delibera relativa allo sport ma ce ne vorrebbe anche una che tutelasse i turisti da certe invasive presenze che intendono snaturare l’essenza antica e silenziosa della valle. Da sempre frequentatore di questa valle ho visto sorgere rifugi albergo di discutibile gusto, abbandono della valle dei bagni ed altri segnali di una “trentinizzazione” di cui in Val Masino non ritengo ci sia bisogno.

  3. Attilio Rossetti Rispondi

    Lasciamo che questo piccolo Eden continui ad esistere. Sono le foreste i prati in fiore i torrenti e le cascate nonché le superbe montagne che rendono unico questo angolo di Valtellina. Teniamo in ordine i sentieri per chi vuole raggiungere i rifugi e dedicarsi a uno degli sport più nobili e invitiamo l’amministrazione locale a impegnarsi a risolvere la situazione dei Bagni Masino. Bene il veto a certe abitudini mordi e fuggi.

  4. Rosanna Rispondi

    Sono pienamente d’accordo su questa ordinanza finalmente si rispetta l’ambiente ma soprattutto la fauna alpina dovrebbero seguire questo esempio altri sindaci

Lascia un commento

*

Ultime notizie