Giovedì 21 ottobre 2021

Il saluto di Arianna Fontana e l’auspicio di un altro mondiale in Valmalenco

Condividi

La seconda ed ultima settimana mondiale della Valmalenco prosegue all’insegna dello Snowboard Cross (SBX), con un doppio appuntamento che oggi ha assegnato i titoli individuali Junior FIS e domani, giovedì 3 aprile, attribuirà quello per squadre Nazionali.
Singolare anteprima di tale gara Il podio femminile che già oggi è stato un monocolore a completo appannaggio delle ‘boarder’ francesi, con un en plein di medaglie: titolo 2014 e oro a Charlotte Bankes, argento per Elisa Ravel e bronzo per Sarah Devouassoux.
Sesta la bergamasca Sofia Belingheri a porre un suggello Azzurro nella “top 6” dello Snowboard Cross di questo Mondiale Junior.
Daniil Dilman, neo-Campione del Mondo 2014 di specialità, viene invece dalla Russia; sul secondo gradino del podio sale lo spagnolo Lucas Eguibar, mentre la Francia mette a segno anche qui una zampata sul podio grazie alla medaglia di bronzo di Ken Vuagnoux.
Cerimonia di chiusura, dal saluto di Arianna Fontana all’auspicio FIS per un ritorno anche nel 2015
Celebrata nel pomeriggio la cerimonia di chiusura di questo doppio Mondiale di Valmalenco, pur ancora in attesa di tre titoli da assegnare: il già ricordato Snowboard Cross a squadre e lo Slopestyle Freestyle Ski di giovedì 3 aprile, lo Ski Cross di domenica 6.
Cerimonia inaugurata con il saluto di Arianna Fontana, pluri-decorata olimpica, che volentieri ha portato il proprio saluto: “mia madre viene dalla Valmalenco e qui ho iniziato i primi passi sui pattini, aspetti che con piacere mi hanno fatto essere qui. Inoltre, come me, tutti questi ragazzi gareggiano per raggiungere dei sogni, quegli stessi che ho nutrito e nutro ancora anche io, necessari per affermarsi nello sport: essere accanto a loro vuole essere un ulteriore messaggio di incoraggiamento” ha detto dal palco.
Unanime testimonianza di apprezzamento e gratitudine è giunto al Comitato Organizzatore, agli Enti sostenitori ed agli sponsor da parte della Federazione Internazionale FIS che, per voce del Coordinatore Freestyle Ski Joseph Fitzgerald e del Delegato Snowboard Peter Krogoll, hanno rimarcato come anche quest’anno l’organizzazione tra piste, ospitalità e logistica abbia superato anche quest’anno ogni aspettativa anche in considerazione del gravoso onere di condurre due mondiali in contemporanea, con 12 competizioni da gestire per quasi 1000 arrivi.
Un ringraziamento che si è subito trasformato nell’auspicio di rinnovare l’esperienza anche per l’anno prossimo: una formula connotata da sincera stima e riconoscenza, non dalla retorica di circostanza.
Riconoscenza che è stata ricambiata con spontaneità dalla simpatica iniziativa dei bimbi della Valmalenco che, deposte le bandiere della rituale parata, hanno esposto ciascuno un cartello recante delle lettere che, composte in sequenza, hanno rivolto “many thanks to FIS racers”, un grande ringraziamento ai concorrenti del mondiale FIS.
Fonte: Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco

Lascia un commento

*

Ultime notizie