Venerdì 30 luglio 2021

Il tunnel stradale più importante d’Europa pensa al 50° anniversario

Condividi





Il 5 settembre 1980 veniva aperto il tunnel stradale più importante che sia mai stato costruito in Europa, il San Gottardo. Una data storica per l’Europa intera, il completamento dell’asse stradale più diretto tra Amsterdam e Roma, 1815 chilometri che da quel giorno si percorrono interamente tramite autostrade, formando un unico itinerario internazionale denominato E35, uno dei più importanti del vecchio continente. In particolare era quindi collegato il nord ed il sud della Alpi per la Svizzera, che erano in grande attesa, il Ticino infatti è sempre stato l’unico cantone “tagliato” fuori dal resto del paese, in quanto si trova sotto lo spartiacque alpino. Tanti potranno ricordare le lunghe code create dai mezzi pesanti in estate sui tornanti di Andermatt per salire al valico, così come in inverno i tempi di attesa biblici per salire sui treni navetta per attraversare il vecchio tunnel ferroviario costruito quasi un secolo prima. All’epoca il San Gottardo era considerato un gioiello per progettazione e realizzazione, 17 chilometri di asfalto sotto una montagna non erano mai stati costruiti, era il tunnel stradale più lungo del Mondo e lo rimase per decenni, una sfida per gli Svizzeri con l’ingegner Lombardi di Lugano che lo progettò non senza difficoltà; l’intuizione migliore è stata quella di seguire con precisione la strada del passo, in modo da riuscire a realizzare più pozzi verticali di aerazione, il tunnel compie infatti un ampio semicerchio da ovest verso est. Dopo anni di battaglie e diversi referendum, finalmente sono iniziati i lavori per il raddoppio del traforo, che correrà parallelo con una distanza di 70 metri dall’altro, in mezzo il cunicolo di emergenza pressurizzato con bypass di collegamento ogni 250 metri. La scelta del raddoppio è stata necessaria per la verità, non si poteva fare altrimenti, non solo per il traffico in aumento, ma per urgenti lavori che avrebbero richiesto la chiusura totale del tunnel attuale per anni. Infatti il termine del nuovo tunnel è previsto per il 2026, l’apertura per il 2027 con però il doppio senso di marcia, in quanto la galleria attuale verrà chiusa per 3 anni per i lavori di rinnovo ed adeguamento. Gli svizzeri puntano all’apertura totale di entrambe i tunnel il 5 settembre 2030, in occasione del 50° anniversario. Per quella data si sfreccerà sotto il Gottardo in doppia corsia a 100 km/h, senza le lunghe code che si creano molti giorni all’anno a causa della distanza di sicurezza che è obbligatoria all’interno della galleria, con semafori che regolano il passaggio ai portali.
Marco Trezzi
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie