Martedì 21 settembre 2021

Imprudenze generano nuovi interventi evitabili del SASL

Condividi

Interventi ieri per la VII Delegazione Valtellina – Valchiavenna del Soccorso alpino: i tecnici sono stati impegnati in un intervento di ricerca di un turista polacco, uscito ieri per un’escursione, di cui era stato segnalato il mancato rientro al campeggio, presso cui alloggia. La zona interessata è quella della Val Bregaglia, Alpe Lago – Valle dell’Acqua Fraggia, a circa 2000 metri di quota. Impegnati anche guardia di finanza, carabinieri e vigili del fuoco. In giornata l’uomo, che ha passato la notte all’addiaccio, presentava alcune escoriazioni, ma era comunque illeso, è rientrato in modo autonomo.
Altra chiamata di soccorso per un uomo che era uscito in compagnia della moglie; insieme hanno raggiunto il Passo Torrone, poi i due coniugi, italiani, hanno preso sentieri differente, concordando di ritrovarsi in una zona pianeggiante situata più in basso. La donna si è diretta verso il Rifugio Allievi, mentre l’uomo è sceso lungo un canalone scosceso, dove non sono tracciati sentieri. Non vedendolo arrivare come previsto, la moglie si è allarmata e ha chiesto soccorso. E’ intervenuto l’elicottero, decollato da Bergamo perché quello di Sondrio era impegnato in un altro intervento, che lo ha individuato. Nel frattempo l’uomo era giunto in fondo, stanco, ma in condizioni nel complesso buone. Non è stato necessario il trasporto in ospedale. L’intervento è cominciato alle 12:30 ed è terminato intorno alle 17:40.
Fonte: Soccorso alpino e speleologico lombardo

Ricevi le news di Valtellina Turismo Mobile su WhatsApp

Lascia un commento

*

Ultime notizie