Lunedì 20 settembre 2021

In montagna da soli, si o no?

Condividi





I recenti episodi di cronaca hanno acceso un ampio dibattito sull’opportunità o meno di intraprendere percorsi in solitaria in media e alta montagna. Come sempre in questi casi non esiste una risposta corretta e una risposta sbagliata, è però opportuno seguire delle regole che riducono i i rischi per chi svolge attività all’aperto in solitaria. Ecco qualche consiglio utile da parte del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico:
comunica sempre l’itinerario previsto (anche gli eventuali itinerari secondari) ad almeno un parente o un amico fidato comunicando anche dove parcheggerai la macchina;
se al termine della giornata prevedi di arrivare in un rifugio a pernottare, al momento della prenotazione comunica anche a loro da dove provieni e l’orario di massima di arrivo;
segui sempre l’itinerario (o gli itinerari secondari) che hai previsto e comunicato;
se all’ultimo minuto decidi di cambiare percorso e la connessione telefonica è assente, lascia un foglio sul cruscotto della macchina comunicando il cambio di programma;
non ti avventurare da solo fuori dal sentiero per nessun motivo;
se puoi, utilizza le app di tracciamento che, anche in assenza di segnale, riducono comunque il raggio di azione per eventuali ricerche dei soccorritori;
indossa vestiti colorati ed evita colori mimetici;
oltre alla normale attrezzatura per un’escursione, porta con te una torcia (con delle batterie di ricambio), un telo termico d’emergenza e un fischietto.

Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie