Lunedì 20 settembre 2021

In vigore l’aumento della tariffa della revisione auto e moto

Condividi





In vigore dal 1° novembre 2021 l’aumento della tariffa, da 45 a 54,95 €, delle revisioni dei veicoli a motore e dei loro rimorchi che verranno eseguiti presso i centri di controllo privati.
Alla nuova cifra vanno aggiunte Iva (22%), tariffa motorizzazione (10,20 €) e spese postali (1,78 €), per totali 79,02 €, un aumento del 18% rispetto ai 66,88 € attuali.
Per mitigare in parte l’aumento prevista l’erogazione di un “buono veicoli sicuri” di 9,95 € per gli utenti che entro il 2023 sottoporranno il proprio veicolo a revisione, valido per un solo veicolo a motore e per una sola volta nel triennio.
La revisione di un’auto o di una moto deve essere effettuata dopo 4 anni dall’immatricolazione e successivamente ogni 2 anni.
Per la revisione dei veicoli sono attualmente in vigore le seguenti scadenze:
i veicoli immatricolati in Italia di categoria M (es. auto, autobus, autocaravan), N (es. camion, autoarticolati) e O3-O4 (rimorchi di massa maggiore di 3,5 t.) con revisione scaduta tra ottobre 2020 e giugno 2021 possono circolare fino a 10 mesi dopo la scadenza normale (secondo il Regolamento UE 2021/267 – articolo 5).
Per i veicoli di categoria M, N, O3, O4 con revisione scaduta dopo giugno 2021 e per i veicoli di categoria L (es. moto, ciclomotori, minicar) e O1-O2 (rimorchi di massa inferiore a 3,5 t.) non ci sono proroghe applicabili.
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie