Martedì 27 luglio 2021

La foresta Val Masino: un luogo semplicemente incantato

Condividi





La Foresta Val Masino si estende nella valle omonima per 2945 ettari.
E’ composta da due settori: la Valle dei Bagni di Masino(367 ettari), nel ramo occidentale della Val Masino, nota località termale, e la Val di Mello (2.578 ettari) sito ad est, splendido paradiso alpino.
Il territorio della Foresta ricade nel Comune di Val Masino, è di proprietà di Regione Lombardia ed è gestito da ERSAF (Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e alle Foreste).
Pascoli, boschi di latifoglie e conifere, vette rocciose fanno da sfondo ad un palcoscenico montano imperdibile.
Morfologicamente le aree presentano i caratteri classici dell’area alpina con circhi glaciali, aspre creste granitiche, depositi glaciali e accumuli di detriti di versante. Mentre in fondovalle il paesaggio è costituito da suggestive porzioni a pascolo contornate da boschi di conifere (abete rosso, abete bianco e larice) e di latifoglie (faggio, acero montano, frassino, sorbo degli uccellatori e betulla).





La Foresta dei Bagni di Masino si presenta con un suggestivo bosco di faggi e abeti, tra enormi massi di granito ricoperti di muschio.
Questo è solo un punto di transito per gli escursionisti che cercano lo splendore dei circhi glaciali e delle famose vette che si trovano più in alto, mentre per i turisti è l’occasione per una sosta alla fonte termale, per un pic nic nelle aree di sosta attrezzate.
La Val di Mello è una valle di straordinaria bellezza, profondamente incisa dall’attività glaciale con il classico profilo ad U e rappresenta un paradiso naturale per tutti, dall’alpinista più esperto che arrampica le spettacolari pareti di granito, all’escursionista occasionale per piacevoli passeggiate alla scoperta di un ambiente ricco di tradizioni.
E’ il luogo di nascita del “sassismo” e la meta preferita dagli amanti del “bouldering”, praticato sugli innumerevoli massi di fondovalle.
La valle è tutelata dal 2009 dall’istituzione della Riserva Naturale Val di Mello, di cui la Foresta Regionale rappresenta più della metà della superficie.
Le news su WhatsApp e Telegram



  1. Aquila Bianca Rispondi

    Si commenta da sola

  2. Miranda Rinaldi Rispondi

    Buonasera , una volta era incantata la foresta.
    Purtroppo adesso da qualche anno a questa parte, hanno cominciato a decimare alberi a tutto spiano e di questo passo, a breve sarà il deserto incantato, senza ripristinate con nuovi alberi e non puliscono dove tagliano, lasciando uno schifo.
    Vengo in villeggiatura dal 1970 avevo 1 anno, ne ho viste tante , anche la valanga che aveva buttato giù gli alberi.

Lascia un commento

*

Ultime notizie