Domenica 26 settembre 2021

La sostituzione della caldaia dà diritto al bonus mobili?

Condividi





Ho acquistato dei mobili con bonifico parlante antecedentemente all’acquisto di una caldaia (in sostituzione di quella presente nell’abitazione). Posso comunque usufruire del bonus mobili?
Risposta dell’Agenzia delle Entrate
Il bonus mobili ed elettrodomestici spetta ai contribuenti che hanno realizzato determinati interventi di recupero del patrimonio edilizio e usufruiscono della relativa detrazione. La sostituzione della caldaia, in quanto intervento diretto a sostituire una componente essenziale dell’impianto di riscaldamento, è riconducibile alla manutenzione straordinaria e, come tale, permette di beneficiare del bonus.
Tuttavia, una delle condizioni poste dalla norma per ottenere l’agevolazione è che la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione preceda quella in cui si acquistano i mobili.
Pertanto, il contribuente che ha acquistato e fatto installare la caldaia dopo aver comprato i mobili destinati all’arredo dell’abitazione non potrà usufruire del bonus.
Per ottenere la detrazione fiscale è necessario che la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione preceda quella in cui si acquistano i mobili. Se abbiamo acquistato e installato la caldaia dopo aver comprato i mobili destinati all’arredo dell’abitazione non potremo usufruire del bonus.
Richiedere il bonus TV senza ISEE
Per accedere al bonus mobili:
l’acquisto deve riguardare arredi di un immobile oggetto di ristrutturazione edilizia che fruiscono del bonus casa;
gli interventi di ristrutturazione devono essere iniziati l’1 gennaio 2020;
la data dell’inizio dei lavori di ristrutturazione deve precedere quella in cui si acquistano i beni;
non è fondamentale che le spese di ristrutturazione siano sostenute prima di quelle per l’arredo dell’immobile;
l’acquisto degli immobili deve essere fatto con bonifico parlante.
Bonus mobili: i limiti di spesa
I limiti di spesa:
ristrutturazione tra 1 gennaio e 31 dicembre 2020 limite di spesa 10.000 €;
ristrutturazione tra 1 gennaio e 31 dicembre 2021 limite di spesa 16.000 €.
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie