Domenica 19 settembre 2021

Lago di Como, una sola località non idonea alla balneabilità nel lecchese

Condividi





Dagli esiti dell’ultimo campionamento delle acque del territorio lecchese eseguito da ATS Brianza, tutte le località sono idonee alla balneazione (eccetto la Malpensata).
Tuttavia, data l’estrema variabilità del fenomeno della fioritura di alghe (cianobatteri), in presenza di acque torbide, schiume o mucillaggini o con colorazioni anomale è sconsigliato immergersi.
È comunque buona norma adottare i seguenti comportamenti a tutela della salute:
– evitare di ingerire acqua durante il contatto con acque di balneazione
– fare la doccia appena usciti dall’acqua, provvedendo ad asciugare completamente il corpo
– sostituire il costume dopo il bagno.
Il contatto con acque contaminate da cianobatteri potrebbe provocare diversi effetti, come irritazione delle vie respiratorie e degli occhi e/o disturbi gastrointestinali.
Inoltre è necessario fare attenzione alle dermatiti da cercarie.
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie