Mercoledì 20 ottobre 2021

L’Alpe Pedroria di Talamona torna a vivere

Condividi

Il 13 settembre 2013 è stato presentato alla popolazione il sentiero dedicato a Stefano Tirinzoni a Talamona, che dal rifugio Alpe Piazza arriva all’Alpe Pedroria, dopo gli interventi di recupero realizzati dal FAI.
Stefano Tirinzoni ha collaborato a lungo con il FAI: come Capo Delegazione di Sondrio e come progettista e Direttore dei restauri di Castel Grumello, in Valtellina. L’architetto ha voluto lasciare un segno tangibile di questo legame donando al FAI con il testamento le sue proprietà nel comune di Talamona.
Quella donata dall’architetto Tirinzoni è un’area di 200 ettari, con alpeggi, boschi e pascoli, che comprende anche i Monti Pisello (metri 2.272), Culino (metri 2.320) e Lago (metri 2.351). Il recupero del sentiero che viene inaugurato oggi è il primo passo di un intervento del FAI che proseguirà con un progetto di riqualificazione che valorizzerà la biodiversità della zona, l’agricoltura tradizionale e punterà a riportare la pastorizia in quota.
Quest’estate il FAI ha reintrodotto all’Alpe Pedroria una quindicina di manze per favorire il recupero degli alpeggi e ha risistemato il Sentiero Tirinzoni, che prima non era percorribile dalle mandrie, con un recupero del tracciato, la pulizia del sottobosco e l’aggiunta della segnaletica per gli escursionisti.
In seguito saranno recuperati altri sentieri, verrà realizzato un rifugio alpino e un edificio per la produzione del bitto.

Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

Lascia un commento

*

Ultime notizie