Lunedì 26 luglio 2021

Livigno, la Cassazione boccia ancora il nuovo impianto alla Vallaccia

Condividi





La Cassazione ferma ancora la costruzione di nuovi impianti di risalita a Livigno nella Vallaccia, sul versante di Trepalle, fermi da tempo alle opere preliminari.
La disputa tra Legambiente e la società Mottolino Spa prosegue da 7 anni, tanto che non si può affermare con certezza che sia quest’ultima la sentenza definitiva sulla questione.
La Corte Suprema di Cassazione, interpellata dalla società del Piccolo Tibet, ha confermato le sentenze espresse in tutte le possibili sedi di giudizio, dichiarando inammissibile il ricorso della società e condannandola a rifondere tutte le spese di giudizio più oneri raddoppiati.
Si ricorda che la zona oggetto del progetto si trova all’interno di un sito di interesse comunitario soggetto al rispetto di vincoli paesaggistici e di norme europee sulla tutela degli habitat.
Legambiente chiede, entro l’estate, la definitiva rimozione di tutte le opere e reti tecnologiche realizzate ripristinando lo stato naturale dei luoghi.
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie