Mercoledì 20 ottobre 2021

Livigno, salti MTB da record al Nine Knights

Condividi

Ventitre mountain biker professionisti provenienti da dieci nazioni si sono presentati sabato scorso a Livigno per uno spettacolo mozzafiato di fronte a diverse migliaia di spettatori. Per la disciplina freeride è stato predisposto un percorso artificiale con diversi salti. La giuria ha premiato Antoine Bizet (Francia) con il titolo di Best Trick sul trampolino da sei metri. La categoria Slopestyle, che prevedeva una serie di ostacoli da superare uno dietro l’altro, è stata vinta da Geoff Gulevich, mentre la corona per il Best Whip, (specialità per cui la mountain bike, durante il salto, viene ruotata in direzione contraria a quella del salto stesso) è stata conquistata da Mads Haugen.
A Livigno è stata scritta una pagina della storia della mountain bike, grazie al perfetto double backflip di Antoine Bizet, una manovra mai realizzata prima con una bicicletta da downhill. Record anche per quanto riguarda le evoluzioni sull’ “hip”, il salto che proiettava i biker a oltre 5 metri. Così Andi Wittmann di Bad Aibling (Ger) ha potuto raggiungere l’altezza di 5,60 metri, stabilendo il record mondiale.
Al Fiat Nine Knights, Wittmann non si è distinto solo come atleta: il venticinquenne ha anche svolto un ruolo chiave nell’organizzazione dell’evento. In cinque settimane a Livigno è stato costruito un percorso mountain bike a forma di castello, le cui dimensioni lo rendono unico in tutta Europa.
Alla fine dell’evento, Wittmann ha dichiarato: “Penso che con il Fiat Nine Knights siamo riusciti a far fare a questo sport un passo avanti. Le evoluzioni degli atleti sono state eccezionali e le foto fatte durante l’evento sono state viste in tutto il mondo”.

Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

Lascia un commento

*

Ultime notizie