Giovedì 05 agosto 2021

Livigno vieta la sosta finalizzata a campeggio e pernottamento

Condividi

Comune di Livigno ORDINANZA N. 116 del 27/12/2016
I L S I N D A C O Premesso che nel Comune di Livigno -caratterizzato da una popolazione residente di circa 6.000 abitanti- nel corso del solo anno 2015, sono transitati ben 2.282.610 veicoli, con punte giornaliere che, nei mesi di alta stagione, hanno superato i 10.000/12.000 passaggi giornalieri, arrivando sino ad oltre 17.000 passaggi, a fronte di un numero di posti disponibili nei parcheggi comunali (liberi/ a pagamento/ con disco orario) pari, nel complesso, di soli 800 stalli per la sosta;
che tale imponente circolazione veicolare (e, correlativamente, la sosta dei relativi veicoli) impongono -anche in relazione alla peculiare conformazione del territorio di Livigno, alla luce del numero e della natura delle vie di accesso al paese, nonché dei limitati spazi di sosta esistenti- l’adozione di particolari cautele volte alla tutela, oltre che della ordinata fruizione del territorio da parte di turisti ed abitanti di Livigno, anche del decoro e della sicurezza urbana del paese così da evitare, in particolare, l’insorgenza di problematiche di carattere igienico-sanitario (potenzialmente foriere di seri pericoli per l’incolumità dei cittadini, discendenti dalla occupazione di rilevanti porzioni dell’abitato per lo svolgimento, a tutti gli effetti, di attività di campeggio, bivacco ed accampamento in assenza delle necessarie strutture di supporto e dei controlli del caso): ciò, a maggior ragione, durante il periodo invernale (da dicembre ai primi giorni di maggio) ed in quello estivo (da giugno a settembre) in cui si concentra il maggior flusso veicolare;
che, in questo quadro prospettico, una particolare attenzione è stata da sempre riservata alla  regolamentazione della circolazione e della sosta di veicoli di rilevanti dimensioni quali caravan, autocaravan, roulotte e camper, attraverso l’adozione di provvedimenti volti ad evitare -in aggiunta al resto ed ai fini di cui sopra- la reiterata occupazione di aree di sosta del centro abitato di Livigno per l’esercizio del campeggio e/o, comunque, per il prolungato stazionamento ed il pernottamento a bordo di veicoli.
Dato atto che, in quest’ottica, il Comune di Livigno (SO), nell’ambito del proprio territorio, ha realizzato una propria area pubblica attrezzata (con pagamento tramite parcometro) ed autorizzato la realizzazione su aree private di altre sette strutture, anch’esse perfettamente attrezzate ed in regola con la normativa igienico-sanitaria, da destinare espressamente a campeggio, bivacco e accampamento, con possibilità di pernottamento a bordo di caravan, autocaravan e camper: dunque, in buona sostanza, di strutture che consentono di mettere a disposizione circa n. 370 piazzole (a pagamento) per la sosta, anche breve, dei veicoli di cui sopra, in totale sicurezza (anche dal punto di visto igienico-sanitario) e con conseguente, rapida, sottrazione degli stessi dal flusso circolatorio, soprattutto nei periodi di massimo afflusso turistico;
Constatato invece che, come sopra evidenziato, numerose aree pubbliche e/o private aperte al pubblico del territorio comunale continuano ad essere utilizzate come campeggio, bivacco e accampamento mediante l’utilizzo di tende, coperture e costruzioni varie, la presenza di sacchi a pelo, coperte e simili, il posizionamento di oggetti, attrezzature e installazioni varie, in particolare per il tramite di veicoli (essenzialmente caravan, autocaravan, roulotte e camper) che vengono lasciati in sosta con, sovente, occupazione di spazio esterno alla loro sagoma;
Rilevato che questo utilizzo delle aree pubbliche o private aperte al pubblico come campeggio, bivacco, accampamento e simili per il tramite di caravan, autocaravan, roulotte e camper (al di fuori delle
aree su cui insistono le suesposte strutture appositamente predisposte alla bisogna) costituisce effettivamente un concreto pericolo per la salute e per l’igiene pubblica degli stessi occupanti
l’area, posto che -a prescindere da qualsivoglia considerazione in merito alla sanzionabilità della relativa condotta a mente dell’art. 185 del Codice della Strada- in considerazione della peculiarità del territorio di Livigno non è affatto agevole -tra le altre cose- il controllo dei deflussi delle autocaravan sulle aree pubbliche occupate, con tutto quanto da ciò ne discende avuto riguardo ai profili igienici di cui sopra;
Considerato altresì che i fenomeni di campeggio, bivacco e accampamento nelle aree pubbliche e/o private aperte al pubblico ostacolano e/o comunque rendono più problematica la pubblica circolazione, con conseguente insorgenza di tensioni in capo all’utenza turistica e non, potenzialmente tali da cagionare problematiche all’ordine e alla sicurezza pubblica;
…omissis…
O R D I N A
1. in tutto il territorio Comunale, pubblico e privato aperto al pubblico, il divieto di campeggio, bivacco e accampamento mediante l’utilizzo di tende, coperture e costruzioni varie, la presenza di sacchi a pelo, coperte e simili, il posizionamento di oggetti, attrezzature e installazioni varie, il tutto anche con l’ausilio di veicoli che occupano lo spazio esterno alla loro sagoma;
2. il divieto di sosta e la fermata con pernottamento a bordo, dei caravan, autocaravan, camper e di altri veicoli comunque attrezzati per tale destinazione ed uso, e delle vetture con caravan al seguito su tutte le strade, piazze, aree pubbliche e suoli comunali in genere, nonché sulle strade, piazze ed aree private soggette ad uso pubblico e non fisicamente delimitate dalle ore 22.00 alle ore 08.00, salvo le aree appositamente attrezzate, fino alla cessazione del pericolo e, comunque, entro il termine della stagione turistica invernale prevista per il 30 aprile 2017.
Dormire Livigno
Hotel Lac Salin SPA & Mountain Resort****S
Hotel Concordia****

News su WhatsApp e Telegram
Viabilità
Eventi
Meteo
Webcam
Pubblicità

  1. Gottardo Giovanni Rispondi

    OK per quanto riguarda la sosta notturna da farsi esclusivamente nelle aree a ciò preposte, per quanto riguarda il parcheggio per una visita alla cittadina, sarà utile attenersi alle disposizioni ministeriali come per tutti i veicoli.

  2. MG Rispondi

    Potete specificare meglio cosa si intende per territorio “privato aperto al pubblico”?
    Inoltre questa ordinanza non contempla il territorio “privato ad uso privato”…

    Non capisco perchè se un privato ha un camper e lo vuole parcheggiare in un terreno di sua proprietà (vicino alla casa) non può farlo: ne sostare ne pernottare.

    Illuminatemi!

  3. Michele Rispondi

    Mi auguro che oltre a non venirci nei periodi sopra citati , i camperisti evitino Livigno anche per il resto dell’anno, così sarete tutti più rilassati……

Lascia un commento

*

Ultime notizie