Domenica 19 settembre 2021

Mele, produzione in calo del 35% e raccolta in ritardo

Condividi





Presto per dare le stime definitive (possibili solo in tardo autunno, a fine raccolta) ma il calo di produzione dei meleti valtellinesi, dopo un’annata fortemente condizionata dal clima, è certo: si parla di un 30-35%, che porta anche la Lombardia verso una flessione complessiva, a livello regionale, del -23%.
In Valtellina, dopo il giro di boa di ferragosto, è iniziata la raccolta delle Gala, tutt’ora in corso: si parla, per questa varietà, di un calo medio di produzione del 30%, che sarà più alto per le Red Delicious (si parla di un -45% e anche oltre in alcuni areali) mentre dovrebbe essere più contenuta la flessione delle Golden (intorno al 20%).
Il calo produttivo di quest’anno è dovuto alle gelate tardive di primavera, che hanno influito negativamente sulla fioritura e sulla maturazione dei frutti: come previsto, i danni e le perdite sono più contenute dove sono entrati in funzione gli impianti di irrigazione antigelo che hanno limitato gli effetti disastrosi delle temperature sottozero nel tempo della piena fioritura primaverile.
A questo, in alcune zone si sono sommati anche episodi di grandine che hanno colpito a macchia d’olio la provincia di Sondrio e l’intera regione. Proprio in Valtellina, culla dei pomi lombardi, la raccolta è in ritardo di circa 7/10 giorni su tutte le varietà.
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie