Venerdì 30 luglio 2021

Meteo variabile in peggioramento da venerdì

Condividi

La presenza di un’area di alta pressione garantirà tempo abbastanza stabile sino a giovedì, poi progressivo peggioramento per l’intero fine settimana. Oggi cielo velato, con addensamenti più consistenti sulle creste di confine Retiche. Le precipitazioni saranno perlopiù assenti, anche se non si esclude qualche isolato piovasco durante la giornata. Le temperature si manterranno calde. Questa situazione favorisce i processi di assestamento e di consolidamento del manto nevoso. Esso si presenta ben coeso al mattino ma con resistenze in graduale indebolimento in funzione all’esposizione al soleggiamento. Sui pendii più in ombra in quota permane la possibilità di provocare distacchi di valanghe a lastroni, di piccole dimensioni, con debole sovraccarico.
Per giovedì si prevede inizialmente cielo generalmente sereno o poco velato su tutti i settori, poi dal pomeriggio formazione di addensamenti più consistenti sulla fascia prealpina. Le precipitazioni saranno perlopiù assenti, anche se non si può esludere qualche debole isolato piovasco sui quadranti meridionali. Le temperature si manterranno gradevoli, e in quota vi sarà una moderata attività eolica nord-occidentale. Il manto nevoso si presenterà irregolarmente distribuito, con gli spessori maggiori ubicati in corrispondenza di conche e avvallamenti nei pendii sottovento. I lastroni da vento di neoformazione presenteranno ancora legami precari e potranno essere staccati con debole sovraccarico.
La giornata di venerdì sarà caratterizzata inizialmente da cielo sereno con qualche addensamento sparso, poi dal pomeriggio generale e progressivo aumento della nuvolosità, sino a cielo coperto ovunque in serata. Saranno possibili deboli piovaschi diffusi su tutti i settori. Il manto nevoso si presenterà ben assestato e compatto, perlopiù asciutto e rigelato superficialmente. Durante la giornata, per effetto delle deboli piogge, potrà verificarsi l’indebolimento dei legami che caratterizzano soprattutto gli strati più superficiali. Il problema principale sarà sempre caratterizzato dai lastroni presenti, che potranno essere staccati con forte sovraccarico.
Fonte: Arpa Lombardia

Ricevi le news su WhatsApp e Telegram

Lascia un commento

*

Ultime notizie