Sabato 25 settembre 2021

Non mancano novità alla sagra del mirtillo di Rasura

Condividi

Rasura Sapori tipici della Valgerola e ricette innovative in blu, cultura di montagna, sport, musica e solidarietà. La diciottesima edizione della Sagra del mirtillo di Rasura torna con un menù sempre più apprezzato da migliaia di visitatori. Ma non mancheranno alcune novità.
IL PROGRAMMA
Si partirà giovedì 30 luglio con “Aspettando la Sagra del mirtillo”. Alle 19 partirà la quarta edizione della Mirtillo sprint running, una gara di corsa in salita di circa un chilometro, poi alle 19.45 ci sarà la cena con piatti a base di mirtillo e alle 21 la serata con il campione di bike trial, e recentemente confermato nel ruolo di campione italiano, Paolo Patrizi.
Venerdì 31 alle 19 inizierà la cena – ancora una volta con i mirtilli protagonisti – e alle 21 inizierà lo show di Manuel Comelli.
Sabato 1 agosto, dopo la cena, la festa proseguirà con la serata danzante.
Domenica 2 agosto la manifestazione comincerà alle 10 con il mercatino di prodotti tipici locali e la mostra dedicata agli antichi mestieri. Saranno presenti anche “I giaroi”, gruppo folcloristico della Valgerola. Pranzo e cena – dalle 11.30 e dalle 18.30 – saranno seguiti da spettacoli musicali.
SAPORI DI MONTAGNA
Unire la tradizione con ricette gustose e innovative, naturalmente a base di mirtilli. Con questi ingredienti i cuochi della pro loco hanno preso per la gola nelle prime diciassette edizioni migliaia di visitatori.
Quest’anno il menù è particolarmente ricco. Gli chef prepareranno diversi “piatti in blu”: risotto al mirtillo, gnocchetti al mirtillo, ravioli al mirtillo, polenta con cervo al mirtillo e caprino condito con salsa al mirtillo. Non mancheranno altre specialità della gastronomia valtellinese come affettati misti, bresaola al carpaccio e formaggi dell’alpe. Anche nei dolci il mirtillo sarà protagonista. Le classiche torte saranno affiancate da mirtilli caldi con gelato, dalla mascherpa (la tipica ricotta della Valgerola) dolce con marmellata di mirtillo e dalla spultiscia, macedonia a base di mirtilli con limone, zucchero e un po’ di vino.
LABORATORI E ATTRAZIONI
La Pro Loco ha ideato numerose iniziative collaterali. In collaborazione con il Parco delle Orobie e l’Ecomuseo della Valgerola verranno organizzati giochi e attività didattiche nella natura. La mostra dedicata agli antichi mestieri verrà affiancata da una dimostrazione pratica della preparazione del formaggio”. Per i bambini ci saranno anche i laboratori creativi, truccabimbi, “tracce, sassi e fossili”, i giochi nella natura e i gonfiabili. Le attività non saranno limitate alla zona della Foppa. Ci sarà la possibilità di partecipare alle visite guidate alla chiesa parrocchiale di Rasura. Per quanto riguarda le attività sportive, sono previsti momenti dedicati all’arrampicata indoor. La novità di quest’anno è la visita al Museo della montagna: dalla scorsa primavera a fianco del polifunzionale c’è una struttura dedicata alle tradizioni della Valgerola. Nella costruzione in legno e pietra, situata alla Foppa, è stata riproposta un’antica abitazione del borgo orobico. “L’idea è nata dall’esperienza del piccolo museo che era situato nella contrada della chiesa di Rasura – spiega il presidente della Pro Loco Antonello Cornaggia -. Abbiamo voluto realizzare uno spazio più ampio, per mettere in mostra le tradizioni e i mestieri dei secoli scorsi. La lavorazione del legno, del ferro, la tessitura, l’antico mulino e tante altre attività possono rappresentare una componente importante della nostra cultura, da illustrare con orgoglio ai turisti e da raccontare alle nuove generazioni, per costruire una memoria della nostra terra”.
RASURA E I MIRTILLI
La sagra è un’iniziativa strettamente legata alla storia di Rasura. Fino al secondo dopoguerra, la raccolta dei mirtilli ha rappresentato per decine di famiglie della Valgerola un’importante fonte di reddito. L’assenza di attività produttive in Valgerola era legata alla diffusione di un’economia di sussistenza basata su agricoltura, allevamento e raccolta di funghi e frutti di bosco. A Rasura d’inverno si lavorava in casa e nelle stalle con le bestie, poi con l’arrivo della primavera ci si spostava nei campi, nei prati da falciare e nei boschi. Una parte di estate era vissuta tra l’azzurro e il blu, soprattutto dalle donne. Sono i colori del cielo che sembra appoggiarsi sulle Orobie, limpido e caldo nelle giornate della bella stagione, e del piccolo e prezioso frutto. Proprio quel cielo che all’inizio d’agosto potranno ammirare anche i visitatori della Sagra.
SOLIDARIETA’ PER IL NEPAL
Durante la manifestazione sarà presente lo stand dell’associazione Sanonani (www.sanonani.house), attiva per aiutare in modo concreto i bambini nepalesi.
RECAPITI E INFORMAZIONI
Rasura si trova in Valgerola, a dieci chilometri da Morbegno. La festa si svolgerà in località Foppa. nell’area attrezzata del polifunzionale che può accogliere al coperto 1100 persone per i pasti. È previsto un servizio navetta dai parcheggi. Per ricevere ulteriori informazioni si può contattare la segreteria della pro loco al 339 58 16 903 e allo 0342.616073 o prolocorasura@waltellina.it.

Ricevi le news di Valtellina Turismo Mobile su WhatsApp

Lascia un commento

*

Ultime notizie