Martedì 19 ottobre 2021

Orienteering, nel weekend ad Aprica si assegnano i tricolori

Condividi

Saranno circa 700 i concorrenti che sabato e domenica prenderanno parte ai Campionati Italiani di Orienteering (Long e Staffetta) che si svolgeranno ad Aprica.
Tutti i dettagli sono stati ultimati ed il Comitato Lombardo si prepara a dar vita ad un intenso fine settimana. Presente praticamente tutto il meglio del movimento dei boschi. Al momento i dati ufficiali parlano di circa 630 iscritti a cui vanno aggiunti una trentina di atleti provenienti da Russia, Repubblica Ceca, Svizzera ed Austria attirati dal fatto che la gara di sabato è classificata come World Ranking Event, ossia assegna un punteggio internazionale. A questi dovrebbero aggiungersi una cinquantina di Esordienti, gli iscritti dell’ultimo minuto che vogliono provare l’esperienza con carta e bussola.
2 le gare che assegnano il titolo: sabato individuale Long e domenica a Staffetta. Differenti le location con la prima giornata che vedrà gli atleti salire al Palabione utilizzando gli impianti di risalita, mentre domenica si rimarrà nella parte bassa della montagna, vicino al paese di Aprica. Numerosi i percorsi allestiti per le 16 categorie (maschili e femminili) e giudicati molto impegnativi dal punto di vista fisico.
Tante le stelle dell’Orienteering tricolore presenti, molte delle quali sono reduci dal raduno della Squadra Nazionale ad Asiago.
Il campione italiano Long uscente, nell’individuale, è Michele Caraglio, piemontese di Chiusa Pesio, tesserato per il CUS Bologna. Dello stesso team anche Marco Seppi, atleta sempre piazzato negli ultimi anni. Il blocco più compatto, seppure diviso per squadre, è quello trentino con US Primiero, Manuel Negrello e Jonni Malacarne. Viene dalla Val di Sole uno degli aspiranti al titolo più accreditati, Roberto Dallavalle (Monte Giner) che con il compagno Gabriele Canella ha costruito la sua fama sportiva sullo Sci-Orienteering. Sicuro aspirante al titolo, a squadre ed individuale, il trio del GS Forestale composto da Daniele Pagliari, Emiliano Corona ed Alessio Tenani. Altri nomi di sicuro interesse sono l’altoatesino Klaus Schgaguler (Gronlait) ed il veterano Roland Pin(Tarzo).
Tra gli atleti locali, il più esperto è sicuramente Marco Della Vedova di Tirano, rientrato alle gare in questa stagione, gareggia in MA. Iscritto anche l’altro tiranese,Andrea Della Vedova. Tra i giovani da tenere in considerazione il giovane Mikhail Anuchkin tesserato per Terlano ma residente a Chiuro, ed i trentini Giacomo Zagonel e Riccardo Scalet.
Dando uno sguardo alla categoria assoluta femminile, donna da battere sarà sicuramente Christine Kirchlechner (SC Merano) che dovrà guardarsi soprattutto da Michela Guizzardi (CUS Bologna) migliore azzurra al Mondiale in Finlandia, e dall’altra altoatesina, Heike Torggler (SC Merano).
Attenzione, in chiave Staffetta, all’US Primiero con Jessica Orler, Nicole Scalet e Viola Zagonel. Rientra alle gare di alto livello Maria Novella Sbaraglia (Subiaco) che guida il gruppo laziale con le sorelleAdrienne ed Andreina Brandi (CCRoma). La Lombardia conta invece su Maria Chiara Crippa e Federica Maggioni (Pol. Besanese). Chiude il gruppo delle possibili favorite Lucia Curzio, piemontese tesserata per la Pol. Masi e campionessa italiana Sprint in carica.

Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

Lascia un commento

*

Ultime notizie