Sabato 31 luglio 2021

Partita la stagione della pesca in Valtellina

Condividi

pesca addaDomenica è stata celebrata l’apertura generale della pesca. Per sette mesi, fino al 16 ottobre, migliaia di appassionati potranno trascorrere parte del proprio tempo libero su fiumi e torrenti, mentre per i laghi alpini si partirà dal 5 giugno.
Nel 2015 i soci stagionali dell’Unione pesca sportiva sono stati 4199: 2689 residenti in provincia di Sondrio e 1510 fuori provincia. Per quanto riguarda l’età, i grafici fanno segnare un costante aumento della numerosità passando dall’adolescenza alla pensione.
«Per noi occuparsi di pesca vuol dire prendersi carico dei corsi d’acqua nella loro totalità, impegnarsi a difendere la vita di fiumi e torrenti – sono le parole scelte dal presidente Valter Bianchini per salutare i pescatori all’inizio di quest’anno di attività – . Per farlo bisogna rapportarsi con gli altri soggetti che hanno a che fare con l’acqua, in primis i produttori di energia idroelettrica ed enti locali». La strada scelta, insomma, è senza dubbio quella del confronto, ma senza rinunciare a tenere alta l’attenzione sulle situazioni preoccupanti.
Le osservazioni dell’Ups si concentrano in particolare sui due principali fiumi, Mera e Adda. Secondo l’Ups nel caso del corso d’acqua della Valchiavenna è preoccupante, soprattutto da Villa a Gordona. «Chiediamo che si cambi strada e stiamo proponendo un ambizioso progetto di recupero della Mera e non solo», è il commento di Bianchini. Dalla riva della Mera il vice di Bianchini, Lucchinetti, rileva che «le Merette sono uno straordinario patrimonio, le acque limpide di questi canali possono essere messi al centro di iniziative turistiche basate sulla natura».
Fonte: La Provincia di Sondrio

Lascia un commento

*

Ultime notizie