Venerdì 24 settembre 2021

Le ultime pietre della Val di Pai

Condividi

Partecipare, valorizzare, essere custodi, vivere il territorio, sono tematiche particolarmente difficili d’affrontare in un contesto sociale odierno caratterizzato dalle molte contraddizioni e dalle evidenti difficoltà sia dei cittadini che delle istituzioni locali, nel tentare di mantenere vivo quel reciproco rapporto tra uomo e territorio, che nel corso del tempo ha definito e stratificato il tessuto delle nostre valli.
Tale dispersione risulta ancor più evidente in quei territori di montagna penalizzati dalle poche risorse economiche della moderna società consumistica, ma che comunque, conservano in essi un patrimonio storico, culturale ed artistico egualmente importante anche se spesso sottovalutato e quasi mai a pieno valorizzato.
E’ in questo contesto che l’identità dei luoghi e di coloro che lo abitano, nonostante l’apparente degrado, risulta ancora viva, in quanto sfortunatamente o fortunatamente non intaccata dalla mercificazione ludico/turistica della montagna.
La situazione di Pedesina, il più piccolo Comune italiano per numero di abitanti, risulta in questo caso emblematica per descrivere tale situazione. Il sensibile declino demografico, la chiusura delle attività, le quotidiane problematiche dei cittadini, enfatizzano quella precarietà del generico territorio montano apparentemente non più adibito ad essere vissuto.
Tale video si prefigge lo scopo di riflettere sulle problematiche attuali del territorio montano di Pedesina, raccontato dai suoi abitanti, dai villeggianti e dalle molteplici peculiarità territoriali ed ambientali che ne compongono il paesaggio.
In particolar modo il video pone l’accento su uno specifico manufatto storico presente sul territorio, tuttora poco valorizzato e spesso sconosciuto a livello locale.
Si tratta dell’”Occupazione Avanzata alla Frontiera Nord”, denominata anche “Linea Cadorna”, complessa opera militare della Grande Guerra posta a difesa del confine italo-svizzero, la quale, con il suo ormai centenario degrado, accompagna metaforicamente nella narrazione e nella realtà il declino e l’abbandono del piccolo Paese.
Tutto questo è stato realizzato, al fine di riscoprire e far conoscere una delle tante potenzialità locali, per saper in futuro meglio apprezzare e gestire le storie delle nostre montagne, prima che i segni rimasti diverranno solo ricordi.
Con ammirazione di coloro che non demordono, nonostante le facili accuse di chi, totalmente ignaro dell’effettiva realtà locale, si permette di colpevolizzare una piccola grande realtà fatta di semplici ma professionali volontari del territorio.
Visione in anteprima del film-documentario: “GAREF, le ultime pietre della Val di Pai”; che si svolgerà sabato 10 agosto 2013 presso il Polifunzionale di Pedesina in via S. Rocco alle ore 21 (ingresso libero).

Sostieni Valtellina Turismo Mobile
Pubblicità su Valtellinamobile.it
Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

Lascia un commento

*

Ultime notizie