Lunedì 26 luglio 2021

Quando bruciano le montagne di tutto il Tirolo, Stelvio compreso

Condividi





Il 13 giugno di ogni anno bruciano le montagne di tutto il Tirolo unito, compreso il versante altoatesino dello Stelvio: dal nord di Innsbruck fino al sud di Bolzano, dall’ovest di Passo Resia fino all’est delle Dolomiti ampezzane. Ricorre oggi la festa dei fuochi del Sacro Cuore di Gesù, tradizione molto sentita in Tirolo, attiva fin dal 1796, per ricordare gli eventi delle guerre napoleoniche. Era infatti il 1796 quando i francesi scacciarono gli austriaci dalla Lombardia ed il confinante Tirolo temeva di essere invaso anch’esso dalle truppe di Napoleone. La Dieta tirolese si riunì a Bolzano e, pensando di non avere possibilità di vittoria, decise di affidare il Tirolo nelle mani del Sacro Cuore di Gesù, invitando la popolazione alla preghiera. Inaspettatamente, le truppe tirolesi riuscirono a vincere la battaglia contro i francesi, la stessa notte vennero accesi fuochi per ringraziare Gesù. Da allora, ogni terza Domenica dopo la Pentecoste, quindi a Giugno, le cime ed in generale le montagne dell’Alto Adige italiano e del Tirolo austriaco si illuminano con questi fuochi che raffigurano spesso un cuore, oppure la scritta INRI o IHS. Questi fuochi erano stati vietati in epoca fascista, si riprese l’abitudine solo dopo gli anni ‘50, oggi non è raro anche trovare scritte estremiste “il Sud Tirolo non è Italia” o “Ein Tirol”, per voler ricordare e soprattutto tornare al Tirolo unito, che per loro non cesserà mai di esistere nonostante oggi sia diviso in due stati.
Marco Trezzi
Passo Stelvio ist nicht Italien?
Un secolo di Alto Adige: efficienza e benessere, ma anche privilegi anacronistici
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie