Lunedì 18 ottobre 2021

Sforzato di Valtellina sui francobolli? Ottima idea

Condividi

L’operazione di Poste italiane, che per la seconda volta, a distanza di un anno e mezzo, ha deciso di lanciare una seconda serie di francobolli dedicati alle eccellenze enoiche del territorio italiano, assegna ulteriore valore al vino italiano. Molto positiva la presenza di due vini lombardi, lo Sforzato di Valtellina e l’Oltrepò Pavese Metodo Classico, due fra le molte eccellenze del territorio regionale.
Lo Sforzato di Valtellina Docg è ottenuto da uve nebbiolo prodotte, appassite e vinificate in oltre 850 ettari di vigneti terrazzati sostenuti da oltre 2000 chilometri di muretti. Le uve appassiscono in fruttai che sono case rurali poste in posizioni strategiche e solatie del versante retico (versante vitato) dove ricevono sole di giorno e freddo secco di notte, proprio il freddo e l’assenza di umidità sono i due fattori determinanti per la qualità delle uve nebbiolo che rimangono sane e perdono quasi il 40% del peso. Vinificate a gennaio, dalla loro fermentazione che avviene in modo molto lento si ottiene uno dei vini più importanti al mondo per originalità, unicità e piacevolezza. Lo Sforzato è considerato uno dei 10 grandi vini rossi italiani.

Unisciti al canale Telegram per gli
aggiornamenti in tempo reale

Lascia un commento

*

Ultime notizie