Lunedì 29 novembre 2021

Scende dal 2022 il limite per pagare in contanti

Condividi





Si aggiunge un nuovo capitolo alla saga italiana dei limiti all’utilizzo del contante per i pagamenti.
Argomento storico di divisione politica e non solo, nell’ottica della lotta all’evasione fiscale, negli ultimi venti anni il massimale del cash utilizzabile per pagare in contati beni e servizi ha salito e sceso più volte, ben nove.
Oggi la legge in vigore lo fissa a 2mila euro, ma dal 2022 il decreto fiscale collegato alla Legge di Bilancio 2020 lo taglierà, nuovamente, portandolo al tetto dei mille euro per le operazioni di pagamento in contanti. Va ricordato che il contante ancora oggi è la modalità di pagamento più utilizzata in Italia, dato che i pagamenti elettronici raggiungo solo il 37% delle transazioni totali.
Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie