Lunedì 26 luglio 2021

Sequestrati tabacco e Rolex a un cinese al passo del Foscagno

Condividi





I funzionari ADM in servizio al Passo del Foscagno, dogana dislocata tra le Alpi lombarde, unitamente ai militari della Guardia di Finanza, presidiano il valico in entrata dalla zona extra doganale di Livigno, a garanzia della fiscalità. Nei giorni scorsi un cittadino cinese, residente in Lombardia, ha omesso di dichiarare Tabacchi lavorati esteri, oltre i limiti della franchigia, nascosti tra gli effetti personali.
Un Rolex, Oyster perpetual date Submariner, al polso del transitante, ha poi attirato l’attenzione del personale di controllo, che ne ha richiesto la provenienza. Il viaggiatore dichiarava che l’orologio, del valore di 7.800 euro, era stato acquistato a Milano. Ulteriori domande consentivano, invece, di appurare che l’acquisto era stato effettuato a Livigno nel corso di una precedente visita nel 2020, ed era stato introdotto in Italia omettendone la dichiarazione in dogana con conseguente sottrazione al pagamento del dazio e dell’IVA.
E’ stata quindi constatata, a carico del transitante, la violazione degli articoli 282 -292 del T.U.L.D. – D.P.R. 43/1973 (trattandosi di contrabbando consumato) e degli articoli 1 e 70 in materia di I.V.A. all’importazione – D.P.R. 633/1972.
La violazione comporta una sanzione da 3400 a 17000 euro oltre alla confisca del bene.
Livigno prezzo benzina diesel Gpl
Cosa succede se non si dichiara in dogana la merce che eccede la franchigia
Cosa succede se gli acquisti a Livigno non rientrano nelle franchigie
Le merci che passano senza dichiarazione dalla dogana del Foscagno

Le news su WhatsApp e Telegram



Ultime notizie